La WWE rilascia oltre 60 persone nel giro di una settimana



by   |  LETTURE 1033

La WWE rilascia oltre 60 persone nel giro di una settimana

Nelle ultime settimane, come vi abbiamo più volte riportato, la WWE ha purtroppo continuato i suoi tagli iniziati il 15 di Aprile, andando ad intaccare anche la sezione degli arbitri, la sezione di NXT, quella del backstage, nonchè il tavolo di commento, arrivando fino agli alti dirigenti della compagnia, ormai rimasti decisamente in pochi.

Se Dave Meltzer dà la colpa di questi numerosi tagli ad una possibile voglia di mettere in vendita a breve la WWE, diverse altre fonti invece ancora non trovano una motivazione valida, oltre il già trito e ritrito "taglio di budget necessario", dietro la quale si nasconde la compagnia dei McMahon ormai da oltre un anno.

Nonostante la pandemia mondiale non sia ancora regredita del tutto e la WWE come moltissime altre grandi compagnie mondiali abbia subito un contraccolpo notevole, rispetto ad oltre un anno fa, i conti dei McMahon sembrano essere i più alti di sempre, con un 2020 chiuso in verde con diversi zeri dalla parte giusta dei conti in banca.

In una sola settimana, la WWE licenzia 60 dipendenti

Dopo aver appreso del rilascio di Tom Phillips nella giornata di ieri, con la sua conferma ufficiale ormai ad un passo, emergono anche gli altri numeri di questa clamorosa ennesima ondata di licenziamenti, i quali non si sarebbero arrestati mai da Aprile ad ora.

Secondo il noto account Twitter, Wrestlenomics, il quale si occupa da anni dei conti della WWE, sia quelli finanziari che quelli aziendali generici, la WWE avrebbe infatti licenziato diversi addetti in diversi reparti, arrivando in solo poco meno di 7 giorni, a rilasciarne ben 60.

Tali licenziamenti, sarebbero arrivati in gran parte per mano di Nick Khan, co-presidente della WWE, il quale avrebbe lasciato anche scioccati diversi collaboratori, con la facilità con la quale è andato a stroncare diverse importanti figure, che fino a ieri sembravano indispensabili per la WWE.
I rilasci hanno riguardato comunque anche progetti della WWE esterni al wrestling lottato, come ad esempio degli addetti ai WWE Studios o altri importanti addetti al WWE Network.

Ormai la federazione di Stamford non guarda più in faccia a nessuno e sembra che l'aria di "pulizia", secondo alcune fonti interne, non sia ancora terminata del tutto, quindi si attendono ulteriori rilasci nei prossimi giorni o settimane.

Ricordiamo che negli utlimi giorni si era parlato anche di un grosso blocco di licenziamenti anche per NXT UK.