Velveteen Dream risponde alle accuse dopo il licenziamento dalla WWE

Velveteen Dream ha deciso di rompere il silenzio e rispondere alle gravissime accuse ricevute

by Leonardo Lucarini
SHARE
Velveteen Dream risponde alle accuse dopo il licenziamento dalla WWE

La scorsa settimana la WWE ha terminato alcuni contratti con dei talenti da NXT per via di ulteriori tagli al budget ed a farne le spese è stato anche Velveteen Dream, il quale stava vivendo una situazione molto controversa per via di alcune forti accuse di adescamento di minori ricevute lo scorso anno.

Dopo mesi e mesi di silenzio, Velveteen Dream ha postato delle lunghe stories su Instagram per difendersi da queste pesantissime accuse che hanno praticamente posto fine alla sua carriera nella federazione di Stamford. Vi riportiamo la traduzione della sua dichiarazione in forma integrale, rimandando a chi di dovere qualsiasi giudizio e osservazione su questa vicenda molto delicata.

Il comunicato ufficiale di Velveteen Dream contro le pesanti accuse

"Le accuse del 20 aprile 2020 hanno essenzialmente fatto deragliare qualsiasi momentum avessi costruito professionalmente. E alla fine hanno fatto in modo che il mio rapporto lavorativo con la WWE terminasse.

Il mio nome è Patrick Clark, non Velveteen Dream. Velveteen Dream è un personaggio che ho sviluppato negli anni per provare a portarlo in vita. Il successo del personaggio di Dream si basa sulla keyfabe e sulla mia abilità di confondere Patrick Clark di Tough Enough con questa esuberante personalità.

Il personaggio è nato il giorno della morte di Prince, il 21 aprile 2016. Ai tempi non lo conoscevo, ma la mia idea era che avrei potuto usare la mia interpretazione di Prince per creare un personaggio molto differente dalla persona che sono.

Velveteen Dream: un'egocentrica diva, sessualmente ambigua e gender fluid. Mentre scoprivo sempre più aspetti di Prince ho iniziato a formare determinati aspetti di questo personaggio. Aspetti che consideravo eccessivi ed inconsistenti con il performer che era realmente Prince.

Ora, prima di porgli fine, dico di aver apprezzato le storie che ho avuto la possibilità di raccontare davanti alle telecamere e sono grato per tutte le persone che hanno creduto in me come una fonte di sicurezza e benessere.

Grazie a tutti coloro che si sono divertiti e che mi hanno permesso di interpretare questo personaggio, che abbiate comprato un biglietto per vedermi o che mi abbiate fermato a Walmart. Il mio obiettivo era quello di fornire la stessa via di fuga che mi è stata offerta da bambino quando ho iniziato a guardare wrestling.

Il mio lavoro era quello di interpretare un personaggio e di aiutare l'avanzamento delle storyline per i fan che ne erano interessati. Prendo ogni lavoro seriamente, ecco perché sono rimasto in silenzio dopo quelle accuse.

Parlarne sarebbe andato contro la mia già compressa abilità di vendere un personaggio sul quale ho lavorato così duramente. Dopo che sono stato accusato, ho avuto l'opportunità di far parte di una storyline che è durata alcuni mesi ed ho preso parte ad alcuni segmenti sconnessi dalla narrativa originaria, ma ora mi trovo nella posizione di condividere con voi tutti i dettagli di questa storia.

La notte del 20 aprile, con il mio account di Instagram verificato, ho pubblicato una storia facendo sapere ai miei followers che avevo aperto i DM. Ho ricevuto diversi messaggi di supporto e non, ed alcune richieste di consigli su come farsi strada nel mondo del pro wrestling.

Ho risposto ad alcuni, non a tutti, e di tutti questi uno solo mi ha accusato di adescamento. Questo account apparteneva ad un aspirante wrestler di 17 anni, Jaccob, prima che lo cancellasse. In questa conversazione Jaccob ha condiviso il suo interesse nel diventare un lottatore e mi ha chiesto cosa potesse fare per realizzare il suo sogno.

Gli ho inviato una breve lista di aspetti da considerare: il fisico ed i promo. Il fisico perché nessuno ti farà allenare e mangiare in una certa maniera per creare in te l'estetica credibile del wrestler. Promo perché il nostro lavoro è raccontare storie e non ti puoi aspettare che una persona che cambia velocemente canale sia presa dalla tua lotta coreografata, è più probabile che tu riesca a catturare la sua attenzione con 30 secondi di monologo dritto alla telecamera.

Gli ho anche fatto altre domande sulla scuola che frequentava in relazione ai suoi allenamenti, sul suo peso e sulla sua altezza. Jaccob mi ha rivelato quanto si sentisse nervoso nel messaggiarmi, perciò mi ha chiesto di verificare la mia identità.

L'ho trovato strano perché ho la spunta blu, ma essendo un fan da quando sono piccolo ricordo i giorni in cui ai meet and greet cercavo di essere notato dai wrestler, perciò ho creduto alla sua innocenza ed ho inviato una nota vocale con la voce di Velveteen Dream, per rimanere nel personaggio.

L'intera nota vocale include le mie domande sul suo peso, la sua altezza, la sua scuola ed i suoi allenamenti. Jaccob mi ha risposto con una nota vocale ed io ho continuato a rispondere fino a che non ho educatamente chiuso la conversazione.

Il 21 aprile mi sono svegliato con degli screenshot creati e con video di una mia chat con Jaccob che non avevo avuto. Ho immediatamente contattato la WWE per iniziare l'investigazione. Dopo di essa, la WWE ha rilasciato un comunicato per sentenziare la mia innocenza.

La parte che più mi ha ferito è stata vedere delle immagini personali che ho usato nella mia vita privata sul web, utilizzate per attribuirmi l'etichetta di predatore. E' la prima e unica volta che qualcuno mi abbia accusato di adescamento.

Fino a che non ho ricevuto le stesse accuse da Joshua Fuller; al contrario di Jaccob, conosco Josh. Ci siamo incontrari dopo Tough Enough (2015) ad un meet and greet. Siamo diventati amici grazie ad un comune allenatore della GXW.

Josh ha condiviso gli screenshot della prima volta che abbiamo comunicato via messaggio (2016), una foto autografata di quando ci siamo incontrati ed una storia estremamente contraddittoria. Josh ha affermato di non essersi sentito a suo agio per colpa mia, ma si contraddice due volte dicendo che non sono mai stato sessualmente esplicito nei suoi confronti.

Per coloro che vogliono ricercare i suoi tweet di accusa: i messaggi di Josh sono in blu ed i miei in grigio. Josh mi aveva detto di essere uno studente di 16 anni che annualmente visitava Orlando con un amico. Ho subito dubitato ciò che mi diceva ma ho mantenuto le mie risposte diplomatiche e professionali.

La realtà è che sono sempre stato rispettoso e d'aiuto con Josh. Vive con i suoi nonni in una zona rurale del Maryland. Nel 2017 ha avuto una commozione cerebrale ed ha continuato a combattere contro i miei consigli.

Le mie preoccupazioni provenivano dai danni che Josh poteva procurarsi. Gli ho consigliato di prendersi una pausa e vedere un dottore. Lui ha rifiutato perché credeva di poter continuare ad allenarsi ed ho tagliato i rapporti con lui nel 2018 perché non volevo essere parzialmente responsabile se il suo infortunio fosse peggiorato.

Accusarmi di comportamento predatorio per essermi offerto di aiutarlo è stato perfido. Josh e Jaccob sono solo due delle molte persone che ho aiutato. Ma sono i soli che hanno visto con malignità i miei gesti di aiuto.

Ecco cosa non è stato detto all'epoca. Josh Fuller ha contattato Jaccob sui social media prima che Jaccob rilasciasse le sue accuse. Quando questo venne a galla Josh Fuller ha temporaneamente cancellato il suo account Twitter @joshfullerpw, il che è importante perché in tutta la confusione dei social media, Josh Fuller è l'unico che ha detto di non essere stato contattato dagli investigatori.

Jaccob ha cancellato i suoi account social dopo che si è scoperto che era parte di una chat anti-persone di colore. Esiste un forum pubblico, wwe lpsg stars, dove le persone comprano, vendono e condividono immagini e video espliciti di molteplici wrestler e nessuno ha fatto qualcosa per cancellare questo sito. A conti fatti, questa esperienza ha diffamato il mio personaggio e, alla fine, è riuscita nel suo intento, che era vedermi licenziato.

La mia speranza è che con il tempo le persone possano fare due più due e realizzare che tutte le accuse nei miei confronti erano false fin dall'inizio. Ero convinto di non dovermi difendere da solo sui social media per un bel po', ma ora capisco che il pubblico che mi segue necessita di chiarezza.

Sono grato delle opportunità che mi sono state date e dei ricordi che ho ricevuto di conseguenza. Dio mi ha sempre protetto e sempre lo farà. Dream is officially over. But Patrick Clark lives to fight another day". Ricordiamo che tra i motivi per cui Velveteen Dream è stato licenziato compaiono anche diverse accuse di comportamento non professionale da parte dei suoi colleghi, accuse esterne a questa delicatissima vicenda.

Velveteen Dream
SHARE