Vince Russo: "Il ritorno di Eva Marie? Il WWE Universe non la accoglierà bene"



by   |  LETTURE 1069

Vince Russo: "Il ritorno di Eva Marie? Il WWE Universe non la accoglierà bene"

Nel corso dell’ultima edizione di Monday Night Raw, è stato annunciato che Eva Marie è pronta a fare il suo ritorno in WWE dopo ben quattro anni di assenza. Durante il suo lungo periodo lontano dalla federazione di Stamford, Eva si è concentrata soprattutto sulla carriera da attrice, avendo collezionato diverse apparizioni in pellicole di successo, tra cui spicca ‘Hard Kill’ insieme ad una leggenda come Bruce Willis.

Intervenuto nel classico appuntamento settimanale su Sportskeeda, l’ex writer della WWE Vince Russo ha discusso dell’imminente ritorno di Marie davanti agli schermi televisivi. Russo ha elogiato le doti e la presenza scenica della campionessa, ma ha ammesso che i fan più accaniti potrebbero non accogliere Eva nel migliore dei modi.

Russo: "Eva Marie è capitata nell'epoca sbagliata"

“Il ritorno di Eva Marie è sicuramente un’ottima notizia per il business in generale, ma c’è un problema di fondo. La maggior parte delle persone che guardano gli show sono fan accaniti di wrestling, è questo lo zoccolo duro del WWE Universe.

Gli appassionati odiano Eva perché si era allontanata dalla compagnia e non potrà esibirsi ogni singola sera. Non la acclameranno come sarebbe lecito attendersi, quindi non me la sento di sbilanciarmi sul successo di questa operazione” – ha spiegato Russo.

“Personalmente, ho sempre detto che – se avesse lottato durante l’Attitude Era – Marie sarebbe stata una fenomenale campionessa. Avrebbe potuto dar vita a moltissime storyline e i fan sarebbero andati in visibilio, ma le cose vanno in maniera diversa ora” – ha aggiunto.

Vince è tornato poi sull’evoluzione di Bray Wyatt: “Secondo me lo hanno trascinato a fondo, soprattutto dopo la sconfitta contro Goldberg. Mi viene da citare Robert De Niro come esempio. Lo abbiamo visto in film iconici come ‘Il Padrino’ e ‘Toro Scatenato’, che gli sono valsi dei premi.

Allo stesso tempo, è apparso anche in ‘Rocky’ e ‘Bullwinkle’, con i quali non poteva certo vincere un Academy Award. Voglio soltanto dire che il materiale a tua disposizione è fondamentale per avere successo. Quello nelle mani di The Fiend è di basso livello” – ha concluso.