Kurt Angle: "Non sono troppo vecchio per lottare ancora con i giovani"



by   |  LETTURE 906

Kurt Angle: "Non sono troppo vecchio per lottare ancora con i giovani"

Uno dei personaggi più carismatici e vittoriosi dell'ultimo venntennio di WWE e TNA, è indubbiamente il campione olimpico di Atlanta '96, Kurt Angle, noto prima per la vittoria della medaglia d'oro alle olimpiadi e poi per essere divenuto campione mondiale di WWF/E e poi dell'allora TNA, divenuta oggi Impact Wrestling.

Nel corso della sua carriera, Kurt Angle ha avuto le faide più disparate e ha collezionato i titoli più importanti del mondo del pro-wrestling, con diversi match a cinque stelle che hanno innalzato la sua carriera e la storia della WWE, come quello con Shawn Michaels a Wrestlemania 21.

Ormai ritirato, Kurt Angle continua comunque a lavorare incessantemente per il mondo del wrestling, con la WWE e Triple H, che stanno tentando ancora di riportarlo nel loro organigramma, magari da allenatore e non più da wrestler.

Kurt Angle riapre ad un suo utilizzo al fianco della giovani leve sui ring

Nel suo ultimo intervento ai microfoni del suo Kurt Angle Show, personale spettacolo radiofonico del pluri-campione mondiale, Angle ha infatti voluto affermare:

"Bene, considerando che ho 52 anni e Sting è notevolmente più vecchio di me, direi che ho ancora ottime chance per lottare.

Per molte ragioni direi che siamo troppo vecchi. Ma non siamo troppo vecchi per lottare contro talenti più giovani, perchè quando lotti con loro, con questi ragazzi giovani, possono mettere un po' di pepe nel match e far diventare le cose decisamente più interessanti, potresti avere addirittura grandi match con loro.

Quando cominci a perdere i colpi e tutti e due siete vecchi ed entrambi li perdete i colpi, diventa veramente difficile costruire qualcosa di decente sul ring.
Undertaker vs Goldberg, lì entrambi erano avanti con l'età, ma se butti Goldberg contro Brock Lesnar o Undertaker con AJ Styles, o magari fai viceversa, avrai invece un grande match.

I ragazzi più giovani mantengono il match fluido e lo continuano a far andare avanti. Avere due ragazzi più vecchi che in teoria dovrebbero ritirarsi, ma che ancora possono dare qualcosa, mettendoli insieme, ti tirano fuori un grande match con molta più fatica, sempre se ci riescono" .