Gli Young Bucks rivelano: "Ecco la cifra che ci offrì la WWE per firmare con loro"

Nella loro ultima intervista, la coppia più famosa della AEW racconta ai propri fan quanto voleva sborsare la WWE pur di portarli sui suoi ring

by Roberto Trenta
SHARE
Gli Young Bucks rivelano: "Ecco la cifra che ci offrì la WWE per firmare con loro"

Uno dei tag team più famosi e seguiti a livello planetario per quanto riguarda il mondo del pro-wrestling, è indubbiamente quello formato da Nick Jackson e da Matt Jackson, ovvero gli Young Bucks, i quali lavorano sui ring della All Elite Wrestling praticamente dalla sua nascita.

Dopo aver calcato i ring di un po' tutte le compagnie mondiali più famose, dagli Stati Uniti al Messico, passando per il Giappone, ai fratelli Jackson mancherebbe però nel proprio palmares qualcosa in WWE, visto che i due hanno sempre rifiutato di andare a lavorare in una grandissima compagnia come quella dei McMahon, per paura che un cattivo booking potesse rovinargli definitivamente la carriera.
Nella loro ultima intervista, i due campioni di coppia della All Elite Wrestling, al loro primo regno da detentori di tali cinture, sono voluti tornare a parlare di WWE, andando anche a rivelare l'incredibile cifra che Vince McMahon avrebbe voluto sborsare pur di accaparrarsi le prestazioni sul ring dei due atleti, in maniera però vana.

Vince McMahon e l'incredibile offerta per gli Young Bucks, rifiutata

Ai microfoni del Talk n Shop podcast, i due atleti che detengono attualmente le cinture di coppia della AEW, hanno infatti voluto dire in merito all'offerta arrivata e poi rifiutata dalla WWE:

"Io conoscevo la quantità di denaro che i Good Brothers portavano a casa.

Tutti quanti gli altri team prendevano intorno ai 150'000$ per iniziare. Lui (Vince McMahon ndr) ci ha offerto immediatamente 500'000$ a testa, garantiti. Io ero rimasto tipo ' wow, cosa?!' In quel momento noi sapevamo qual era il nostro valore di mercato.

E quella sarebbe stata solo la prima offerta" . Nonostante la grandissima somma di denaro promessa dai McMahon e nonostante nel contratto che i due potevano firmare con la WWE ci fosse anche la presenza di una clausola di uscita indenne di 10 mesi, nei quali gli Young Bucks sarebbero potuti uscire di scena in qualsiasi momento, senza perdere nulla, i due hanno preferito rifiutare l'offerta proprosta da Vince McMahon e soci, rimanendo fedeli alla AEW che stava già nascendo.

SHARE