Scandalo per un ex WWE: "Mi hanno rimandato le mie cose nella busta dell'immondizia"



by   |  LETTURE 1367

Scandalo per un ex WWE: "Mi hanno rimandato le mie cose nella busta dell'immondizia"

Ancora una volta, la WWE finisce forse in modo involontario in uno scandalo abbastanza spiacevole, dopo aver rilasciato alcuni importanti atleti nella giornata del 15 di Aprile, nella quale vennero "fatti fuori" personaggi del calibro di Samoa Joe, Billie Kay, Peyton Royce o l'ex campionessa mondiale Mickie James.

Proprio a quest'ultima, infatti, la WWE avrebbe fatto un brutto scherzetto, inviando i propri effetti personali che erano rimasti nel ThunderDome di Tampa e i quali sono stati cosi rispediti al legittimo proprietario, nella maniera decisamente meno consona possibile: in un sacco della spazzatura.
Proprio così, nel corso della giornata di ieri, Mickie James ha voluto far sapere a tutti, la modalità con la quale la WWE ha voluto "ringraziarla", rispedendole a casa i proprio effetti personali, come fossero qualcosa da buttare via.

Il mondo del web insorge contro la WWE dopo la foto di Mickie James

Dopo aver postato la foto che riporteremo di seguito, Mickie James ha infatti ricevuto il sostegno di molti colleghi, nonchè di diversi membri del WWE Universe, i quali si sono scagliati immediatamente contro la federazione di Stamford, per aver avuto il coraggio di trattare in un modo del genere un personaggio come la James, anche se chiunque al posto suo non sarebbe dovuto assolutamente essere trattato in questa maniera.

Come potrete vedere con i vostri occhi, questo è quello che Mickie James si è ritrovata davanti quando il fattorino ha suonato alla sua porta. A voi i commenti:


"Caro Vince McMahon non so se ne eri a conoscenza, ma questo è quello che ho ricevuto dalla WWE come pacchetto di assistenza, quest'oggi.

Grazie. #SempreBenedettaeGrata #IlWrestlingFemminileConta" . E' stata solo una questione di secondi, prima che l'account Twitter di Mickie James, nonchè quelli della WWE e dei suoi dirigenti fossero invasi dai commenti più disparati, tra chi si lamentava per il comportamento della federazione e chi è arrivato addirittura agli insulti, per un comportamento assolutamente poco professionale, che ancora una volta lascia non poche ombre sul lato "umano" di una federazione come quella dei McMahon.