Samoa Joe e molti altri licenziati dalla WWE: ecco l'elenco dei rilasciati



by   |  LETTURE 4830

Samoa Joe e molti altri licenziati dalla WWE: ecco l'elenco dei rilasciati

Negli ultimi minuti, un nuovo terremoto ha letteralmente sconvolto gli ambienti della WWE, all'interno del suo roster, del suo backstage e anche e soprattutto all'interno del suo WWE Universe, con un'ondata di licenziamenti arrivata a sorpresa, nella stessa giornata dello scorso anno, nella quale erano stati licenziati centinaia di dipendenti: atleti, arbitri e road agent compresi.

Proprio nello stesso identico giorno del 2020, a distanza di un anno, la WWE ha ripetuto la stessa azione, andando a rilasciare tutti quei talenti che evidentemente risultavano superflui per i suoi show settimanali, in un clima di piena pandemia, che nonostante sia leggermanete migliorata rispetto a 365 giorni fa, rimane comunque un momento difficile per rimanere senza lavoro, negli USA, come nel resto del mondo.

Anche Samoa Joe e Bo Dallas vengono rilasciati dai McMahon

Con un vero e proprio colpo di scena, la WWE ha atteso la fine della sua Wrestlemania Week, andando a confermare ed ufficializzare ciò che era probabilmente già nell'aria da tempo, visto che Samoa Joe era stato estromesso dal tavolo di commento di Monday Night Raw, con un suo possibile ritorno sul ring che per un po' aveva fatto sperare i fan della Samoan Submission Machine.
Al momento, questi risultano essere tutti i licenziati di oggi della federazione di Stamford, con la lista che si è allungata nel corso dei minuti, fino ad assumere queste sembianze:

Samoa Joe, Billie Kay, Peyton Royce, Mickie James, Chelsea Green, Tucker, Kalisto, Bo Dallas e Wesley Blake.

Dopo un'assenza lunga oltre un anno, anche il fratello minore di Bray Wyatt viene rilasciato dalla WWE, con Bo Dallas che era stato anche inserito in alcuni rumors sul fatto che avesse potuto essere inserito nella faida del fratello, con un personaggio molto importante che avrebbe potuto debuttare sui ring di Raw.
Per quanto riguarda Joe, invece, occorre ricordare che Samoa Joe è stato vittima negli ultimi anni di una lunga serie di noie fisiche: in particolare tanti problemi gli ha provocato un infortunio alla mano, e in seguito per lui arrivò anche una commozione cerebrale.

Brutti contrattempi che gli hanno impedito di dare seguito al suo improvviso quanto inatteso turn face consumatosi nell'estate del 2019, quando Roman Reigns era al centro di frequenti attentati a SmackDown e proprio Samoa Joe si alleò all'allora Big Dog alla ricerca del colpevole.