WWE, Stone Cold rivela: "Vince McMahon non risponde più nemmeno alle mie telefonate"



by   |  LETTURE 5770

WWE, Stone Cold rivela: "Vince McMahon non risponde più nemmeno alle mie telefonate"

Una delle faide più storiche, apprezzate, amate e seguite dell'intera storia della WWF/E è stata indubbiamente quella che è stata il fiore all'occhiello della cosiddetta Attitude Era, famoso periodo della disciplina del mondo del wrestling, vissuta in WWE alla fine degli anni '90, dove sia i promo, che i match che i segmenti mandati in onda dai McMahon erano decisamente dedicati ad un pubblico prevalentemente adulto e non a tutta la famiglia.

A scontrarsi in questa clamorosa faida durata anni, sono stati il Chairman della WWE, Vince McMahon e "Stone Cold" Steve Austin, pluri-campione mondiale della federazione, che per un periodo di tempo lungo quanto l'intera ascesa della sua carriera verso l'olimpo dei più grandi wrestler di ogni tempo, è stato la vera spina nel fianco del Chairman e di tutta la sua famiglia.

Stone Cold e le chiamate mai accettate da Vince McMahon

Nel suo ultimo intervento ai microfoni di Wrestling Inc, l'ex campione mondiale della WWE, Steve Austin, ha voluto raccontare ai suoi fan come ormai Vince non risponda più nemmeno alle sue telefonate, a differenza di quando era il volto più importante del suo prodotto, con il WWE Hall of Famer che ha infatti rivelato:

"Ormai non risponde più nemmeno alle mie telefonate, ma fatemi dire una cosa, quando lavoravo per lui ed ero al top, quando chiamavo Vince, quel telefono non faceva nemmeno mezzo squillo prima che lui rispondesse.

Adesso devo mandargli un messaggio di testo e poi ricevo la risposta dopo almeno un paio di giorni" . A quanto pare, le cose cambiano per tutti. Da che Steve Austin era il numero uno della compagnia e veniva considerato la personalità più influente della WWF, a che adesso ha difficoltà anche a comunicare con il suo ex datore di lavoro, se non prima di uno o due giorni.

A quanto pare il tempo cambia un po' tutti i tipi di rapporto e come sappiamo già bene noi fan del WWE Universe, tutto ciò che non fa parte del business o che comunque non è una parte fondamentale di esso, per il Chairman della WWE diventa di secondo piano. Purtroppo per noi e per lui, adesso anche Stone Cold lo è diventato.