WWE, Ric Flair conferma l'assenza a WrestleMania di Charlotte? Il criptico tweet



by   |  LETTURE 1315

WWE, Ric Flair conferma l'assenza a WrestleMania di Charlotte? Il criptico tweet

Nelle ultime giornate sono girate molte voci circa l'impiego di Charlotte Flair nella prossima edizione dello Showcase of Immortals, WrestleMania 37 e anche lo stesso Ric Flair, padre della wrestler, è intervenuto sulla questione rilasciando un criptico tweet dove augurava buona guarigione alla Queen, dichiaratosi nelle scorse ore positiva al Covid-19, aggiungendo inoltre che WrestleMania non sarà la stessa senza la presenza della Regina.


"Prego affinche tu guarisca presto!

Hai alzato decisamente l'asticella e WrestleMania non sarà mai la stessa senza la Regina!"

Quali sono i piani della WWE senza Charlotte?

Inizialmente la WWE sembrava essere propensa a lanciare la Flair in un match titolato contro Asuka proprio nel Grandaddy of Them All, ma la positività al Covid-19 dell'ex campionessa ha completamente stravolto i piani, con la federazione che allora ha deciso di mandare la debuttante nel Main Roster Rhea Ripley contro la campionessa nipponica.


Tuttavia, se la Queen dovesse guarire in tempo potrebbe prendere parte a questo match, facendolo diventare di fatto un Triple Threat di tutto rispetto, con il quale l'ultima arrivata dal brand giallo-nero della federazione potrebbe anche prendersi la sua personale rivincita contro la Flair, che riuscì a batterla nella scorsa edizione nel match valido per l'NXT Women's Championship.


Il match potrebbe davvero essere uno dei migliori nella card, con un'estrema qualità che potrebbe accontentare i fan di tutto il mondo, che richiedevano da tempo uno scontro tra queste importanti personalità.



E' stata una settimana molto particolare per Charlotte, che oltre a fare i conti con la sua positività, ha dovuto anche fronteggiare la questione del compagno Andrade che è stato ufficialmente rilasciato dalla WWE, ponendo fine ad un momento molto complicato dal punto di vista professionale, con la federazione che ormai da diverso tempo non aveva più importanti piani per l'ex campione degli Stati Uniti e di NXT.