Damian Priest: "The Undertaker mi ha quasi rotto il naso una volta"



by   |  LETTURE 3048

Damian Priest: "The Undertaker mi ha quasi rotto il naso una volta"

The Undertaker ha posto fine alla sua straordinaria carriera lo scorso anno ricevendo un magnifico tributo alle Survivor Series 2020, dove 30 anni prima era iniziata la sua leggendaria epopea. A meno di clamorosi e improbabili colpi di scena, il suo ultimo incontro resterà dunque il controverso ‘Boneyard Match’ contro AJ Styles a WrestleMania 36.

Il Becchino ha lasciato un’impronta enorme sul business dell’intrattenimento sportivo, che va ben oltre i semplici titoli conquistati e le innumerevoli vittorie. Durante l’ultima edizione del podcast ‘Squared Circle Pit’ organizzato da Metal Injection, l’attuale superstar di Raw Damian Priest ha ricordato una sessione di allenamento con Taker al WWE Performance Center.

Priest, che ha lottato anche in Ring of Honor con il nome di Punishment Martinez, ha recentemente fatto il suo esordio nel main roster dopo una lunga militanza ad NXT (in cui ha detenuto l’NXT American Championship per oltre due mesi).

Priest: "La WWE mi ha chiamato in un momento perfetto"

“Un giorno siamo riusciti a salire un po’ sul ring con The Undertaker al Performance Center, lui indossava i guanti e tutto il resto. Temevamo che ci avrebbe picchiato duramente.

Lui stava mostrando qualcosa ad un ragazzo che adesso non ricordo, e per farlo ha sferrato un pugno a tutta velocità verso il mio naso. Non appena mi ha toccato il viso si è tirato indietro, appena prima che mi rompesse il naso, e io ho pensato che fosse un qualcosa di eccezionale.

Gli ho chiesto di farlo nuovamente, non avevo mai visto nulla di simile” – ha raccontato Priest. ‘The Archer of Infamy’ ha parlato anche del suo primo provino per entrare in WWE: “Mi sono presentato lì nel 2014 e gli sono piaciuto molto.

Tuttavia, mi hanno comunicato che non c’era spazio per me in quel momento. Ho lavorato con il massimo impegno e ho ricontattato la federazione circa un anno dopo, ma ancora una volta è andata male. Pensavo che non sarei mai entrato in WWE.

Paradossalmente mi hanno chiamato loro in un frangente perfetto, cioè quando era appena scaduto il mio contratto con Ring of Honor”.