Randy Orton: "C'è un momento ben preciso che ha fatto svoltare la mia carriera"



by   |  LETTURE 2910

Randy Orton: "C'è un momento ben preciso che ha fatto svoltare la mia carriera"

Randy Orton ha fatto il suo esordio nel wrestling professionistico nel 2000 lottando nella Mid-Missouri Wrestling Association-Southern Illinois Conference Wrestling, prima di essere notato dalla WWE (con cui ha firmato un contratto nell’aprile del 2002).

Durante la sua lunghissima permanenza nella federazione di Stamford, il ‘Legend Killer’ ha conquistato per ben dieci volte il titolo WWE, per quattro volte la cintura dei pesi massimi, oltre ad essere annoverato come il più giovane campione mondiale nella storia della compagnia (il suo primo World Heavyweight Championship è arrivato all’età di 24 anni).

Gli appassionati ricorderanno sicuramente che l’approdo nella stable di Evolution ha rappresentato una grandissima svolta nella carriera di Orton. Grazie all’aiuto di due autentiche leggende come Triple H e Ric Flair, Randy ha potuto mettere in evidenza tutte le sue qualità sul ring.

Nell’ultima edizione dello show condotto da Stone Cold Steve Austin, il 40enne di Knoxville ha espresso tutta la sua gratitudine per l’opportunità ricevuta all’epoca.

Orton: "La WWE ha fatto bene a fidarsi di me"

“Mi pare che stessi recuperando da un infortunio in quel momento.

Non avevo ancora raggiunto lo status che avrei desiderato in WWE. Ricordo che stavo facendo tutto il possibile per farmi notare da Triple H. Un giorno qualcuno è venuto da me e mi ha comunicato che stavano pensando di inserirmi nella stable di HHH e Ric Flair.

Più tardi, ho scoperto che era stato Hunter a fare il mio nome avendo intravisto delle qualità in me. Non posso negare che quell’occasione abbia influito enormemente sul prosieguo della mia carriera” – ha raccontato.

‘The Viper’ ritiene di aver lavorato abbastanza duramente per meritare i suoi successi in WWE: “All’inizio non avevo idea della reale portata di ciò che accadeva in WWE. Guardandomi indietro, sono il primo ad ammettere di essere stato molto fortunato a ricevere quell’opportunità da Triple H e Ric Flair, che in un certo senso mi hanno preso sotto la loro ala. Allo stesso tempo, credo di aver dimostrato che la WWE ha fatto la scelta giusta con me”.