Jeff Hardy e i possibili guai con la WWE: "In AEW hanno la mente più aperta"



by   |  LETTURE 5789

Jeff Hardy e i possibili guai con la WWE: "In AEW hanno la mente più aperta"

Uno dei personaggi che per anni ha fatto emozionare parecchi fan di età e di nazioni diverse è stato indubbiamente il fratello minore degli Hardy Boyz, quel Jeff Hardy che con le sue acrobazie ed i suoi voli ha letteralmente fatto innamorare grandi e piccini della disciplina del pro-wrestling, nonostante i suoi innumerevoli problemi con la giustizia e con le sostanze che provocano dipendenze.

Dopo diversi arresti e diverse accuse che Jeff deve ancora affrontare in tribunale, il fratello più piccolo di Matt Hardy sembra aver ritrovato la retta via, continuando a lavorare duramente sui teleschermi della compagnia di Stamford, per la famiglia McMahon, che è stata proprio l'artefice della grande carriera che Jeff e Matt hanno iniziato alla fine degli anni '90 sui ring dell'allora WWF.

Jeff Hardy parla apertamente della AEW, facendole i complimenti

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni della ESPN, un Jeff Hardy abbastanza "sbadato" si è lasciato andare a dei commenti che molto probabilmente non andranno molto a genio al Chairman della WWE, Vince McMahon, visto il pensiero del patron della compagnia per la quale lavora attualmente il più piccolo dei fratelli estremi.
Dopo aver detto di voler tornare ad essere un campione mondiale nella compagnia nella quale lavora, Jeff ha anche parlato di AEW, l'attuale federazione nella quale milita il fratello Matt, dicendo:

"E' veramente figo.

Matt è in AEW e prima che la pandemia ci colpisse, il loro pubblico era veramente infuocato. E' così eccitante da guardare, sono veramente così differenti dalla WWE. Non so esattamente come spiegarlo, ma credo abbiano una mente più aperta, la WWE invece guarda solo per la sua strada.

Questo ha portato a diversi cambiamenti negli anni, specialmente nell'Attitude Era, era veramente una cosa completamente differente.
Grazie a Dio, non ci colpiamo più con le sedie sulla testa, mi spaventa quella cosa e poi non viaggiamo più così tanto.

E' tutto molto più sicuro adesso ma in ogni occasione ci si può fare male lo stesso" . Chissà come avrà reagito la dirigenza della WWE dopo aver sentito queste parole uscire fuori dalla bocca di uno dei campioni più ammirati dei suoi roster, nei confronti della compagnia rivale numero uno della federazione di Stamford?