La WWE aveva in mente di bruciare una bandiera nazionale in diretta



by   |  LETTURE 1418

La WWE aveva in mente di bruciare una bandiera nazionale in diretta

Nel corso della storia della WWE, diversi personaggi e character hanno avuto il compito di svolgere il ruolo di heel antipatriottici, che dovevano andare a combattere il senso di patriottismo che in America è molto sentito, attirando heat e fischi, utilizzando quindi l'odio verso la propria patria.

Nel corso delle varie ere, diversi personaggi sono infatti diventati molto famosi per aver portato in scena diversi segmenti di questo tipo, come ad esempio The Iron Sheik, Muhammad Hassan, Rusev e molti altri. Tutti questi atleti, sono infatti cresciuti come alcuni degli heel più importanti della compagnia, proprio per aver utilizzato questo amore verso la patria degli Americani, andando semplicemente a stuzzicare e ad insultare tutto ciò che porta gli abitanti degli USA ad amare il proprio paese.
A quanto pare, nel corso della storia della WWE, la dirigenza aveva addiittura in mente di portare in scena un segmento molto forte, nella quale un atleta andava a bruciare in diretta nazionale una bandiera a stelle e strisce, costituendo così un vero e proprio affronto verso la patria.

Bruce Prichard racconta dell'angle con la bandiera USA della Royal Rumble

A quanto pare, nell'ormai lontano 1991, il famoso Sgt Slaughter, avrebbe dovuto bruciare in diretta una bandiera degli Stati Uniti sui teleschermi della compagnia, con Bruce Prichard che ha voluto però smentire l'iniziale rumor che indicava la NBC come luogo di attuazione dell'angle nel suo ultimo intervento al suo Something to Wrestle With, dicendo che l'angle era invece previsto per la Royal Rumble di quell'anno.
In merito a questa vicenda, il braccio destro di Vince McMahon nel creative team della WWE ha voluto affermare:

"Farlo sui teleschermi della NBC è falso al 100%.

C'erano state delle discussioni sul farlo invece alla Royal Rumble, non avevamo mai parlato di farlo sulla NBC, infatti non c'erano piani di nessun tipo per quello, in nessuna forma. Questa è solo una di quelle tante stron**te che legge la gente su internet e poi ci crede.

Ci sono state comunque un sacco di discussioni in merito al mettere in scena un angle del genere, perchè in fin dei conti è legale la cosa e l'idea era venuta fuori da Jesse Ventura. Vedere persone che bruciano la bandiera per protesta, fa sempre notizia e quindi questo poteva essere un grosso angle per portare heat nei confronti di Slaughter.

Ovviamente, i giudizi che arrivarono prima di farlo furono determinanti e quindi si scelse di non seguire questa strada, senza stare a pensare se la cosa fosse legale o meno, si pensava solo al fatto che fosse accettata a livello pubblico e mediatico o no. L'unica volta in cui ci pensammo seriamente, comunque, era quell'anno alla Royal Rumble" .