Roman Reigns: "Ecco quale era la mossa che mi era stata vietata"



by   |  LETTURE 3985

Roman Reigns: "Ecco quale era la mossa che mi era stata vietata"

Roman Reigns è andato incontro a tantissime trasformazioni del suo personaggio nel corso degli anni e anche il suo repertorio di mosse è stato talvolta rivisto per essere in linea con le esigenze del suo personaggio dal punto di vista scenico.

Infatti, dopo il suo scioccante Turn Heel e la sua alleanza con Paul Heyman sono stati tantissimi i cambiamenti a cui è andato incontro, tra cui anche l'utilizzo di nuove mosse come la Guillotine Choke. A tal proposito, lo stesso Tribal Chief ha raccontato un anedotto esplicitando come la WWE non gli permettese di applicare questa manovra in passato, credendo che la Spear potesse essere più funzionale al suo personaggio e che quindi solo il suo passaggio fra i cattivi gli ha permesso di poter utilizzarla.

Ecco le sue parole:

"Volevo davvero usare questa mossa da anni, quando però lo chiedevo il Team Creativo mi rispondeva che una mossa finale che non fosse una mossa finale di sottomissione, come appunto era la Spear, che tutti conoscono, fosse più consona al mio personaggio.

Anche oggi che utilizzo la Guillotine Choke però, la Spear è ritenuta molto importante, anche per il significato storico che si è conquistata nel corso degli anni."

La prossima sfida di Roman Reigns

Roman Reigns sta avendo un grandissimo momentum come campione Universale della compagnia e in quel di SmackDown sta vivendo uno dei migliori momenti della sua carriera, che però dovrà fare i conti ancora una volta con Kevin Owens, considerando che lo stesso Tribal Chief dovrà affrontarlo il prossimo 31 gennaio in quel della Royal Rumble in un Last Man Standing Match, dopo che Adam Pearce ha dovuto (e voluto, in chiave storyline, ma non solo) rinunciare alla sua shot titolata.


Si prospetta quindi un ottimo match per l'ex Big Dog dello Shield che potrebbe inoltre continuare con molte probabilità la sua run da campione, condita da tanti momenti che restaranno sicuramente impressi nella sua memoria.