WWE, Triple H: "Senza pandemia ci sarebbero stati piani diversi per Rhea Ripley"



by   |  LETTURE 1245

WWE, Triple H: "Senza pandemia ci sarebbero stati piani diversi per Rhea Ripley"

All'inizio del 2020 Rhea Ripley era davvero al top del mondo del wrestling: era la campionessa femminile di NXT, ha vinto sia i War Games che la sfida a Team alle Survivor Series ed è stata protagonista di un match straordinario contro Charlotte Flair a Wrestlemania 36.

Sembrava l'ascesa della wrestler dovesse essere prolungata, ma con il Covid-19 la Pandemia ha cambiato anche le dinamiche del mondo del wrestling e tutti hanno dovuto adeguarsi. La Ripley ha prima ceduto il titolo a Wrestlemania 36 ed è stata poi coinvolta in diverse trame che l'hanno vista uscire sconfitta.

Sono in tanti a chiedersi come mai sia cambiata così tanto la situazione di Rhea nel corso di questi mesi.

Le parole di Triple H su Rhea Ripley

Nel corso di un incontro con i media Triple H ha parlato prima di WWE NXT TakeOver Wargames provando a spiegare cosa è successo attorno all'ex campionessa femminile di NXT.

Ecco le sue dichiarazioni a riguardo:

"Il mondo è cambiato. I piani prima della pandemia sono svaniti e comunque non esistono più, è tutto cambiato. Non credo che nessuno in quel momento avrebbe potuto prevedere una situazione del genere, credo che ne io e nessun altro si sarebbe aspettato che da Marzo, ora a Dicembre la situazione era ancora così bloccata.

Tutto sta cambiando da un giorno all'altro, non sappiamo se la situazione migliorerà o se sarà peggiori di prima. Su Rhea penso che quando una è molto giovane subito accresce la propria fiducia in sé stessi, tutto precede per portarti ad un gran livello e procede per il meglio, ma sai c'è sempre quel momento difficile che mette in dubbio noi stessi, fa parte del processo di maturazione di qualsiasi sport, basta vedere anche il basket con LeBron James.

A lungo termine credo che queste difficoltà saranno un bene per lei e sono tutte esperienze di apprendimento. Il mondo intero è cambiato e anche lei deve adeguarsi, trovare se stessa e riprendersi. È un'artista nettamente migliore e più matura, la sua comprensione di questa situazione deriva da ciò che sta passando ed è ovvio che senza Pandemia i piani per lei sarebbero stati diversi"