Undertaker e Triple H hanno discusso a lungo un nuovo ruolo per il Deadman in WWE?



by   |  LETTURE 3384

Undertaker e Triple H hanno discusso a lungo un nuovo ruolo per il Deadman in WWE?

Sebbene la parola "fine" sembrerebbe essere stata già scritta sulla carriera da performer di The Undertaker, in molti tra i fan del becchino e tra gli addetti ai lavori della WWE sembrerebbero non essere molto convinti di questa cosa, certi che prima o poi The Undertaker tornerà sui ring dei McMahon almeno per un ultimo grande match che faccia da ciliegina sulla torta per una carriera trentennale che in pochi tra i wrestler di tutto il mondo possono dire di aver avuto.

In occasione dell'edizione di Survivor Series di quest'anno, che andrà in scena il prossimo 22 di Novembre, la WWE dovrebbe infatti mandare in scena l'ultimo saluto di Undertaker prima del suo definitivo ritiro, con l'annuncio dello stesso Deadman nell'ultima puntata della docu-serie a lui dedicata "The Last Ride", che aveva già confermato la sua uscita di scena.

Undertaker vorrebbe lavorare come coach al Performance Center?

Nella sua ultima intervista rilasciata ai microfoni di The Wrap, il leggendario wrestler della compagnia di Stamford ha voluto raccontare del lungo dialogo avuto nel corso degli ultimi mesi con Triple H, COO della WWE, con la quale ha discusso la possibilità di diventare uno degli allenatori più importanti del Performance Center di Orlando, se la cittadina della Florida non fosse troppo lontana da casa sua nel Texas.

Proprio in merito a questa eventualità, Taker ha rivelato:

"Sapete, questa è la situazione in cui sono adesso, sto cercando di capire cosa posso fare. Sono stato on the road per così tanto tempo, che adesso non mi piace più, viaggiare e fare tutte quelle cose.

Mi piace però insegnare. Triple H ed io abbiamo avuto diverse conversazioni in merito al fatto che io possa lavorare con i talenti di NXT, ad Orlando e al Performance Center. E mi piace veramente tanto l'idea. Stiamo solamente cercando di capire come farla funzionare questa cosa perchè dovrei fare ancora avanti e indietro.

Io vivo in Texas. Quindi mi ci vuole ancora tanto tempo per fare una cosa del genere.
Credo di avere ancora molto da offrire. Il prodotto sta cambiando e si sta evolvendo, ma penso che ci sia ancora un sacco di materiale sul tavolo da poter applicare al prodotto e a questi ragazzi, che hanno bisogno di ascoltare e vedere da qualcuno che conosce bene questo lavoro. Vedremo cosa succederà
" .