Paul Heyman: "Vi spiego come è cambiato il prodotto WWE negli ultimi 20 anni"



by   |  LETTURE 904

Paul Heyman: "Vi spiego come è cambiato il prodotto WWE negli ultimi 20 anni"

Paul Heyman è stato al centro di innumerevoli discussioni negli ultimi mesi. La varie superstar si sono divise parlando dell’influenza dell’ex GM di Raw nel backstage, prima che Heyman venisse riassunto dalla WWE come nuovo consulente dell’Universal champion Roman Reigns.

In una recente intervista a Bleacher Report, Paul ha analizzato le principali differenze tra l’odierno prodotto di SmackDown e quello di inizio millennio.

Heyman: "Mi occupo soltanto di Roman Reigns in questo momento"

“Nel 2002 SmackDown era trasmesso su una rete nascente chiamata UPN, oggi invece è su FOX Network.

È disponibile su base globale con distribuzione capillare ed è un franchising con licenza multimilionaria. Penso che la differenza tra il 2002 e il 2020 non siano solo i 18 anni che sono trascorsi, ma il valore esponenzialmente più grande del marchio stesso.

Tuttavia, io non sono nel business della WWE e nemmeno in quello di SmackDown e Raw. Mi occupo soltanto di Roman Reigns in questo momento” – ha raccontato Heyman. L’ex manager di Brock Lesnar ha approfondito il suo rapporto con Reigns: “Direi che è molto diverso quello che faccio con Roman da quello che facevo con Brock.

Nel 2002 ero una sorta di manager leggendario che prendeva la stella nascente sotto la sua ala protettiva. L’ho accompagnato fino ai vertici della WWE e di tutto l’intrattenimento sportivo. Con Roman Reigns parliamo di un veterano di otto anni, di un quattro volte main eventer a WrestleMania, di un performer che se si ritirasse oggi stesso sarebbe un Hall of Famer all’istante”.

Heyman si è soffermato anche sulla potenziale gestione di Ronda Rousey: “Lavorare con lei sarebbe uno dei più grandi onori della mia vita personale e professionale. Ronda Rousey è in grado di disgregare lo status quo e non si adagia sugli allori.

Guardate cosa ha realizzato nell’ambito della MMA femminile e della divisione femminile in WWE. Non solo ha ridefinito un ruolo, ma ha creato una prospettiva completamente nuova e non bisogna dimenticare che ha solo 30 anni”.