WWE, nuovi dettagli sul problema degli atleti e le terze parti: ecco la situazione

Emergono nuovi rumors su questa questione

by Mario Tramo
SHARE
WWE, nuovi dettagli sul problema degli atleti e le terze parti: ecco la situazione

Recentemente la WWE è stata coinvolta in una sorta di "guerra" con i propri atleti emettendo un comunicato dove si intimava ai wrestler di cessare ogni attività con proprie piattaforme inerenti a terze parti.

A rivelarlo per primi furono poi i colleghi di WrestlingInc.com, per la precisione ecco un estratto dell'e-mail che Vince McMahon inviò ai propri talenti circa un mese fa: "Alcuni di voi sono impegnati con terze parti che utilizzano il vostro nome e la vostra immagine in modo che reputo dannoso per la nostra azienda.

È fondamentale che queste attività vengano interrotte entro i prossimi 30 Giorni (in quel caso scadeva appunto Venerdì 2 Ottobre). Le violazioni comporteranno multe, sospensioni o risoluzione del contratto con la WWE".

La federazione di Vince McMahon ha concesso quindi trenta giorni per concludere eventuali accordi con piattaforme di terze parti.

Le ultime sulla WWE e il rapporto sulle terze parti con i wrestler

I colleghi di WrestlingInc hanno pubblicato degli aggiornamenti di questa vicenda rivelando che la WWE nelle prossime quattro settimane assumerà il controllo degli account Twitch delle proprie superstar.

Alla fine è stato rivelato che è proprio la WWE, contrattualmente, la proprietaria degli account degli atleti e che a riguardo i wrestler riceverebbero solo una piccola percentuale delle entrate da questo modalità.

Il candidato americano Andrew Yang ha commentato questa situazione prendendo sicuramente le parti degli atleti. Questa situazione , resa pubblica nel mese di Settembre, sicuramente , non è stata gradita da tutti. Ecco le parole a riguardo di Yang: "Credo che per me sarebbe esasperante sapere che la WWE riuscisse ad acquisire i diritti su canali social media che ho costruito io personalmente con fatica.

Credo che tutti siano arrabbiati di questa situazione e reputo giustamente". La WWE ancora deve commentare ufficialmente le ultime voci sul rapporto tra i dipendenti e le terze parti ma è chiaro che molti non abbiamo gradito questa situazione.

Inoltre wrestler come AJ Styles o Dakota Kai, giusto per citarne un paio, hanno continuato a trasmettere sul proprio canale Twitch, ma ora non è chiaro se i canali derivanti da ogni account personale verranno poi davvero tenuti "in ostaggio" dalla WWE.

SHARE