WWE, ecco come reagi' Goldberg quando perse il titolo contro Braun Strowman



by   |  LETTURE 8317

WWE, ecco come reagi' Goldberg quando perse il titolo contro Braun Strowman

Con un risultato abbastanza clamoroso l'ultimo WrestleMania 36 ha visto Braun Strowman diventare il nuovo Universal Champion WWE grazie ad una vittoria in meno di 5 minuti contro una leggenda WWE come Bill Goldberg. La scelta di inserire Braun Strowman in uno dei match principali dello Show of Immortals è avvenuta dopo la rinuncia in extremis di Roman Reigns, che, aveva preferito rinunciare a partecipare dopo i problemi ed i tumori legati all'emergenza sanitaria.

Al suo posto alla fine ha partecipato The Monster Among Men.

Il pensiero di Goldberg su Braun Strowman

Dopo aver saputo di dover affrontare Braun Strowman, Goldberg ha avuto una bella reazione: il wrestler rimase infatti più che contento di affrontare Strowman ed anzi nelle WWE's Chronicle sono state mostrate alcune immagini dove i due si abbracciano a fine gara.

L'Hall of Famer della WWE Goldberg ha inoltre affermato successivamente che dopo tanto tempo nel mondo del wrestling Braun Strowman ha meritato questo successo. Con il ritorno di Roman Reigns Braun Strowman è uscito dai piani principali per il titolo ed appare improbabile che torni nuovamente nei piani di SmackDown per lottare per il titolo di campione del mondo.

Secondo le ultime indiscrezioni, dopo l'intervento di questa notte all'interno di RAW Underground, segmento dove The Monster Among Men è apparso scatenato, non è da escludere la possibilità che il wrestler venga draftato a Monday Night Raw.

In passato Braun Strowman ha avuto gravi problemi e poche settimane fa il wrestler non ha avuto remore a ricordare che in passato ha avuto pensieri gravi riguardo il suicidio. Ecco le sue parole a riguardo: "Sono molto grato del rapporto che io con Vince McMahon, senza il suo aiuto non penso proprio che sarei qui.

Ho addirittura pensato di uccidermi un paio di volte. Se sono arrivato fino a quel punto, penso che avrei dovuto parlarne con qualcuno prima. Non sapevo che ci tenesse così tanto a me, pensavo solo di essere un numero all'interno di un sistema, ma quel giorno ho capito che non era così"