WWE, Bischoff duro: "Non vedo una grande Superstar dai tempi di John Cena nel 2002"



by   |  LETTURE 2172

WWE, Bischoff duro: "Non vedo una grande Superstar dai tempi di John Cena nel 2002"

Eric Bischoff ha sicuramente maturato negli anni una grande esperienza nel mondo del wrestling, e altrettanto sicuramente è un dirigente che sa come funziona questo mondo e come creare nuove Superstar. Sebbene la sua ultima esperienza in WWE non sia stata delle migliori e in fin dei conti è stata addirittura insignificante, occorre dire che Bischoff ha avuto un enorme successo nel passato della federazione.

Intervenuto nel corso del suo podcast 83 Weeks, l'ex dirigente della WWE ha parlato di come sta vivendo l'evoluzione del mondo del wrestling, non risparmiando una bordata alla situazione attuale dello Sports Entertainment: secondo Bischoff difatti non c'è una vera Superstar in WWE dai tempi di John Cena risalenti al 2002.

Le dichiarazioni di Eric Bischoff sull'evoluzione del wrestling

Ecco le parole rilasciate nel suo podcast da Bischoff: "Nel mondo del pro Wrestling non c'è un personaggio di grande successo da molto tempo, precisamente direi dai tempi di John Cena del 2002.

Quando parlo di persone di grandissimo successo non intendo una situazione con 20-30 persone che cantano il tuo nome, ma sinceramente parlo di situazioni più elettrizzanti. Quando vedi che ci sono persone che sanno dov'è la tua auto e provano in tutti i modi a farsi una foto con te, beh è divertente.

Avere persone che ti riconoscono e ti cercano in tutti i modi, ti dimostra che non sei finito, ma invece sei ancora molto richiesto" "Quando parlo di un wrestler che sposta l'ago della bilancia - aggiunge l'ex GM di Raw e ex direttore esecutivo di SmackDown - parlo di un wrestler che ha un grande merchandising, inizia a vendere gli show più di chiunque altro e costantemente richiesto nei segmenti dell'episodio.

Avviene così che questo wrestler sia in lizza per un titolo 4-5 volte all'anno, e lì vuol dire che hai sfondato. Nel mondo del wrestling non accade dal 2002, sono passati 18 dannati anni, gente, e non abbiamo una star di tale caratura da quel periodo.

Gli spettacoli della WWE richiedono un volto di tale livello per crescere la fama e la richiesta dei propri spettacoli" Concludendo il suo discorso Bischoff ha infine elogiato particolarmente la crescita della AEW, federazione verso la quale il dirigente nutre grande fiducia.