Ex road agent WWE avverte: "Ecco il più grande problema che avrà Raw Underground"



by   |  LETTURE 4427

Ex road agent WWE avverte: "Ecco il più grande problema che avrà Raw Underground"

Una delle sorprese della settimana che hanno lasciato più soddisfatti e increduli i fan del WWE Universe, è stato il nuovo format presentato a Monday Night Raw dal figlio del Chairman della WWE, Shane McMahon, il quale è tornato dopo mesi di assenza sui teleschermi della federazione di famiglia, proprio per presentare il nuovo concept di wrestling voluto fortemente dalla compagnia di Stamford.

Nel nuovo show presentato a Raw, che prende il nome di Raw Underground, diversi dei lottatori della compagnia prendono parte ad alcuni match "illegali", senza squalifiche e su di un ring senza corde, in quello che sembra essere uno scantinato del Performance Center della federazione.
Molti fan della compagnia, sembrerebbero essere indecisi, se essere contenti della novità o dubbiosi, con alcuni addetti ai lavori che avrebbero già espresso le proprie perplessità, su un format che sembra essere nato dal nulla e che con la WWE c'entrerebbe ben poco.

Lance Storm avverte la WWE sulla pericolosità di Raw Underground

Secondo l'ex atleta e road agent della federazione dei McMahon, Lance Storm, che ha lavorato nel backstage WWE fino a qualche settimana fa, il nuovo format presentato dal primogenito di Vince, potrebbe avere un grande problema nascosto, che emergerà già tra qualche settimana, con il canadese che ha infatti detto ai microfoni di Bryan Alvarez del Wrestling Observer:

"Nessuno ha ancora colto il punto e credo ci sia un problema grosso.

Loro hanno creato una cosa molto carina. Avendo questi, beh diciamo, questi match molto violenti, che arrivano e terminano in pochi secondi, con molti KO ed il tutto è molto eccitante. Per me, il problema che ho notato sin dal debutto di questa cosa, è che lo stile è molto simile ai knockout highlight della UFC, dove ci sono ben 4-5 match in soli due minuti.

Il che vuol dire che un match dura meno di 30 secondi a volte. Se questa cosa prende piede, saranno sicuramente in grandi guai perchè tutto d'un tratto avranno degli atleti che fanno dei match che terminano in 30 secondi per un KO e dovranno riempirci uno show di 3 ore.

Pensate se Dolph Ziggler facesse un grande match del genere, strangolando un altro atleta e facendolo cedere in pochi secondi. Ziggler sicuramente ne uscirebbe alla grande. Poi, però, hai un match di pro-wrestling da mandare in onda a Raw, la settimana dopo, che ti dura 12 minuti.

Penso che la più grande paura, adesso sia: cosa succederà quando lo stesso Dolph Ziggler non riuscirà a battere il suo avversario in 30 secondi? " . A quanto pare, l'ex road agent della WWE, grandissimo amico di Chris Jericho nella vita reale, avrebbe colto nel segno uno dei principali problemi scaturiti dal nuovo format presentato dalla WWE nell'ultima puntata di Raw, con la federazione che probabilmente dovrà rimettere mano alla scaletta del suo show di bandiera, prima di fare brutte figure col suo pubblico.