CM Punk si potrebbe nascondere dietro gli attacchi in WWE della Retribution?



by   |  LETTURE 4064

CM Punk si potrebbe nascondere dietro gli attacchi in WWE della Retribution?

La chiusura clamorosa dell'ultima puntata di Friday Night Smackdown, ha lasciato i fan del WWE Universe da casa letteralmente senza parole, con i membri della stable della Retribution, che hanno compiuto il loro clamoroso quanto inaspettatto attacco ai ring e all'arena del Performance Center, mettendo a soqquadro l'intero bordo ring, con corde tagliate, muri imbrattati e membri del pubblico presi a calci.

Se alcune delle identità dei membri femminili della squadra sembrano essere già state in parte scoperte, non si capice ancora chi ci sia a capo del team, sempre qualora ce ne sia uno, con la WWE che ha semplicemente mandato in onda gli attacchi, sia a Monday Night Raw che a Friday Night Smackdown, senza far aggiungere nulla alla stable, nè un comunicato, nè un messaggio al microfono.

CM Punk si potrebbe nascondere dietro alla Retribution come suo leader?

Come riportato nelle ultime ore dal noto sito d'oltreoceano Ringside News, ci sarebbe stato un gran parlare negli ultimi giorni del fatto che il Second City Savior di Chicago, potrebbe clamorosamente tornare a far parte della programmazione della WWE anche come performer, dopo la cancellazione di WWE Backstage e dopo la parziale riapertura da parte di Vince McMahon nei suoi confronti.
Secondo il noto sito americano, però, tale ipotesi sarebbe molto remota se non quasi impossibile, con CM Punk che non avrebbe raggiunto nessun accordo con la compagnia di Stamford, nè lo starebbe al momento cercando.
Come riferito al sito da parte di un membro interno del creative team WWE, la Retribution non è per nulla un veicolo per riportare Punk sui ring della WWE, benchè tale ritorno non sia mai stato così possibile e vicino negli ultimi anni.

A quanto pare, la parte più clamorosa della cosa, è arrivata quando la fonte interna della WWE, ha rivelato al sito che non ci sarebbe nessuna idea dietro gli attacchi di Raw e Smackdown, con la stable della Retribution che sarebbe stata una delle tante idee "lanciate sul muro" dalla WWE, tanto per vedere i fan come avrebbero reagito e che i membri della stable potrebbero tranquillamente cambiare, tanto chi ha già preso parte ai segmenti degli show di questa settimana, potrebbe essere a breve sostituito da qualcun altro.