WWE, Seth Rollins racconta: "Ecco com'è andata per l'Eye for an Eye Match"



by   |  LETTURE 1631

WWE, Seth Rollins racconta: "Ecco com'è andata per l'Eye for an Eye Match"

L'incontro ad Extreme Rules tra Rey Mysterio e Seth Rollins in un 'Eye For an Eye Match' ha portato recensioni contrastanti, con alcuni che hanno apprezzato e tanti che hanno criticato la scelta di effettuare questo incontro nel recente PPV.

Al termine della sfida, Rollins ha conquistato la vittoria frantumando l'occhio di Rey Mysterio sul lato del gradino d'acciaio (ovviamente la federazione ha utilizzato un occhio finto, che è stato inquadrato solo per pochi istanti).

Le parole di Seth Rollins riguardo l'incontro di Extreme Rules

Ai microfoni di Alex McCarthy di Talksport, The Monday Night Messiah ha rivelato che non si aspettava un incontro del genere e che a dire il vero non sapeva neanche come prepararsi.

Prima di questo incontro ha visto alcuni incontri di First Blood, uniche sfide simili a quella che si accingeva a disputare. Ecco le sue dichiarazioni: "Se questo incontro era una sfida ideale per me? Certamente no. Però ha attirato l'attenzione della gente ed è finito anche su TMZ.

Insomma, se ti piace il Lago della Reincarnazione in AEW, ma odi l'incontro Eye For an Eye Match qualcosa non va. Penso sappiate che cosa intendo" Rollins ha spiegato che inizialmente era contrario a questo tipo di match, ed anzi pensava fosse solo uno scherzo ai suoi danni.

Poi pian piano ha iniziato a crederci: "Vince non è così pratico come pensa la gente, alla fine dell'incontro sai che poi sarebbe stato lui a decidere il colpo finale del match ed in fondo sappiamo che questo rappresenta la parte decisiva.

C'erano un paio di versioni su come sarebbe dovuto essere il colpo che avrebbe deciso il match. E alla fine, sebbene l'idea fosse di Vince, è stata una decisione congiunta da parte di tutti. In fin dei conti posso dire di essere estremamente orgoglioso del prodotto che abbiamo realizzato e per una volta ho lottato contro Rey per un lungo periodo di tempo, quindi neanche lui si è arrabbiato"