Dolph Ziggler: "Vi spiego perché ho deciso di non lasciare la WWE"



by   |  LETTURE 1806

Dolph Ziggler: "Vi spiego perché ho deciso di non lasciare la WWE"

Negli ultimi anni, si sono succedute a pioggia le indiscrezioni circa un possibile allontanamento di Dolph Ziggler dalla WWE. Il 40enne di Cleveland, unico wrestler in grado di vincere due Survivor Series match, ha spiegato perché abbia deciso di non lasciare la federazione di Stamford, pur ammettendo di aver preso in considerazione quest’ipotesi ogni volta che il suo contratto era scaduto.

Ziggler: "Ho scoperto tante cose su me stesso"

“Ci sono stati dei frangenti in cui pensavo che qualsiasi cifra mi avrebbero offerto me ne sarei comunque andato. Il mio obiettivo era anche constatare se mi avrebbero implorato di rimanere.

Devo ammettere che ci sono stati anche dei momenti in cui mi trovavo a lavorare con persone che sapevo di poter aiutare. Ho dovuto scoprire tante cose su me stesso durante questi anni” – ha dichiarato Ziggler, che non ha mai avuto problemi ad accettare le sue tante sconfitte sul ring.

“Sono molto affezionato a quel ragazzo che ha un bilancio di una vittoria e 99 sconfitte quest’anno, ma che sta lottando per il titolo. Ci sono dei bambini di 10 anni che già si immaginano la mia sconfitta prima che io salga sul ring.

È proprio questo il motivo per cui lo faccio. Ti faccio credere che ogni momento potrebbe essere quello buono per la sorpresa. Sento di aver costruito un’intera carriera puntando su questo aspetto. A volte diventa un po’ difficile, soprattutto quando hai tutto il mondo che ti dice che le probabilità che vincerai sono una su 10 milioni.

Questo però non significa che io non possa rendere il match fantastico. Anche i miei detrattori più accaniti hanno dovuto ammettere che ad Extreme Rules sono stato tosto” – ha aggiunto il due volte campione dei pesi massimi.

Balza sicuramente all’occhio il fatto che Dolph non abbia mai vinto il titolo WWE: “Riuscite sempre a ricordarmi le uniche cose che non ho mai vinto. Non contano solo i titoli, ma anche andare là fuori ed essere il miglior esempio per le persone che ti stanno guardando” – ha concluso.