Luke Gallows su AJ Styles vs The Undertaker: "AJ ha sanguinato tutta la notte..."



by   |  LETTURE 5198

Luke Gallows su AJ Styles vs The Undertaker: "AJ ha sanguinato tutta la notte..."

Luke Gallows è ormai un ex wrestler della WWE e recentemente ha firmato un nuovo contratto con Impact Wrestling. Questi è intervenuto come ospite nell'ultimo episodio di Sitting Ringside con David Penzer ed ha trattato di diversi temi, recenti o meno: A WrestleMania 36 si è tenuto il Boneyard Match tra The Undertaker e il grande amico di Luke, AJ Styles.

A riguardo, l'ex wrestler della New Japan Pro Wrestling ha commentato: "Iniziammo a registrare quando arrivò il buio e terminò tutto alle 5.30 del mattino. Fu davvero lunghissima, per certi tratti il prodotto era noioso a mio parere, ma alla fine tutti hanno ottenuto ciò di cui avevano bisogno.

Taker subito si è lanciato dal cancello verso AJ che era accanto alla limousine, si ritrovò con le braccia e i pugni dentro il vetro. Il taglio del Phenomenal One era evidente a tutti e lui era tutto insanguinato.

Però AJ è vecchia scuola e, nonostante il sangue, voleva continuare. Alla fine gli hanno messo una benda ed ha continuato. Ha sanguinato tutta la notte, ma AJ Styles ha continuato senza problemi. Ho rispetto per wrestler come lui, non mollano mai.

Pensandoci bene ho riflettuto sul fatto che poteva rendere tutto ancora più bello"

Luke Gallows sull'atmosfera in WWE ed ad Impact

Parlando delle differenze tra la WWE ed Impact Wrestling, Gallows ha parlato invece degli spogliatoi differenti: "Sinceramente non ero entusiasta della mia scelta e di quella di AJ Styles e Karl Anderson di unirsi alla WWE nel 2016.

L'ho già detto e ribadito più volte pubblicamente, credevo che per noi era meglio stare in Giappone. Quando sono arrivato sono però rimasto piacevolmente sorpreso, perché lo spogliatoio non era come mi aspettavo, non c'era la vecchia guardia a comandare tutto ma erano tutti uniti all'inizio.

Quando sei giovane tu pensi a queste cose e non è mai facile, sia per un ventenne che per un trentenne. Detto ciò devo dire che ad Impact ora mi trovo benissimo ed adoro l'atmosfera presente nel nostro spogliatoio"