La WWE e la pandemia: "Vince McMahon la sta sottovalutando come Donald Trump"



by   |  LETTURE 901

La WWE e la pandemia: "Vince McMahon la sta sottovalutando come Donald Trump"

Il clima di preoccupazione, apprensione e paura che si è diffuso in WWE intorno ai contagi che hanno preso piede in queste settimane non accenna a placarsi, e sembra sempre più evidente che nel frattempo si stia facendo molta confusione. Ciò che sembra chiaro, però, è che a questo punto tra quella percentuale di persone che in tutto il mondo ritengono che l'emergenza sanitaria sia stata per qualche motivo "montata" e che lo stato di emergenza mondiale sia in realtà meno profondo di quanto raccontato, insomma, tra gli "scettici" ci sia anche Vince McMahon in persona.

Il Chairman della WWE la penserebbe in maniera simile a Donald Trump, presidente degli Stati Uniti (e suo amico personale), ma anche al patron della UFC, Dana White: si tratta di tre tra le persone più importanti d'America a ritenere il virus che sta mettendo in ginocchio il mondo "una semplice influenza". E questo spiegherebbe anche perché Vince McMahon sia così contrario a applicare tutti i protocolli di sicurezza all'interno dei suoi show, e anche perché non voglia vedere mascherine trasmesse in tv o sentire i suoi dipendenti parlare di contagi, tamponi, positività.

La WWE, i contagi e l'idea di Vince McMahon

Di tutto questo ha parlato Bryan Alvarez su 'Wrestling Observer Live', affermando quanto segue: "Vince McMahon non ha mai detto nulla in pubblico a proposito di ciò che pensa della pandemia, non l'ha mai fatto nella maniera più assoluta. Ma diverse fonti mi hanno riferito che, secondo Vince, questo virus non sarebbe poi grave o pericoloso come tutti dicono. Faccio anche fatica a riferire queste cose. Anche se preferisco non dire che secondo lui sia addirittura una bufala, perché questo non lo so".

Vince McMahon, peraltro, sarebbe anche in buona compagnia: "Negli Stati Uniti ci sono ancora fin troppe persone che pensano che in giro ci sia solo una bruttissima influenza. E l'impressione che ho avuto da parte di gente che lavora in WWE, è che anche Vince McMahon la pensa così".

Nel frattempo si è anche tornato a parlare dei contagi avvenuti all'interno della WWE, che secondo Mike Johnson di 'PWInsider' sarebbero molto meno diffusi di quanto affermato fin qui: "Oggi mi è stato detto che le voci su oltre 30 test positivi in WWE sono imprecise e che alcuni dei numeri di cui si sta parlando sono esagerati", ha affermato.