Undertaker: "Ho saputo della morte di mio fratello mentre stavo girando WrestleMania"



by   |  LETTURE 10191

Undertaker: "Ho saputo della morte di mio fratello mentre stavo girando WrestleMania"

Nell’ultima puntata della docuserie ‘The Last Ride’ andata in onda domenica scorsa, The Undertaker ha analizzato la costruzione del tanto discusso 'Boneyard match’ con l’attuale campione Intercontinentale AJ Styles a WrestleMania 36.

Il ‘Deadman’ si è infatti trovato a modificare i suoi piani a causa dell’emergenza Coronavirus, che ha obbligato la WWE ad organizzare lo ‘Showcase of the Immortals’ al Performance Center di Orlando senza pubblico.

Undertaker: "Non puoi sapere quando verrà la tua ora"

“Nel momento in cui ho accettato di affrontare AJ Styles a WrestleMania, immaginavo che avremmo disputato un match tradizionale di wrestling di fronte a 80.000 persone.

Il COVID-19 ha reso tutto più imprevedibile. Sono tempi pazzi, il nostro pubblico è un fattore vitale per la buona riuscita del prodotto. Devi solo cavalcare la loro energia di solito, mentre ora siamo ammanettati sotto un certo punto di vista.

Siamo stati estremamente fortunati, nel senso che siamo stati in grado di realizzare la cosa migliore che avremmo potuto fare in un momento come questo” – ha raccontato l’otto volte campione del mondo. Proprio mentre stava registrando il match, Taker ha ricevuto la tragica notizia della morte di suo fratello Tim.

“Ero in macchina con Triple H e Michael Hayes. Il mio telefono ha iniziato a squillare e ho visto che era mio nipote. Sapevo che era una chiamata importante e che avrei dovuto rispondere. Non è stato facile, ho dovuto avvertire tutti i miei fratelli e mia madre, ben sapendo di non poter essere lì insieme a loro.

Si tratta dell’ennesima indicazione di quanto sia importante essere presenti per la tua famiglia, dato che non si sa mai cosa può accadere. È stata una giornata estremamente dura. Prima ancora della morte di mio fratello, mi aveva colpito molto la scomparsa di Kobe Bryant.

Tutto ciò mi ha fatto capire che dovevo essere presente a casa, mettendoci lo stesso impegno che do al business. Non puoi sapere quando verrà la tua ora” – ha spiegato il Becchino.