Shad Gaspard, aumenta la paura: "Interrotte le ricerche"



by   |  LETTURE 3999

Shad Gaspard, aumenta la paura: "Interrotte le ricerche"

Iniziano ad assumere i contorni della tragedia le notizie che purtroppo rimbalzano dall'America e che riguardano Shad Gaspard, lo sfortunato atleta di cui da ormai oltre 24 ore non si hanno notizie. Già noto come membro dei Cryme Tyme (lottava in coppia con JTG), l'ex WWE Superstar è disperso in mare e con l'ineluttabile trascorrere del tempo purtroppo sta aumentando anche il pessimismo sul suo destino.

Di Shad Gaspard non si hanno notizie certe dalle ore 16 di domenica pomeriggio, quando si trovava in mare insieme al figlioletto e i due sono stati sorpresi da un'onda anomala a Venice Beach. A quell'ora risulta che abbia chiesto i soccorsi, che sono puntualmente arrivati, ma che su sua precisa richiesta si siano occupati inizialmente del bimbo, che ha appena 10 anni d'età.

Shad, che oggi ha 39 anni, sarebbe quindi stato inizialmente perso di vista dai bagnini per poi non ricomparire più. Immediati sono scattati i soccorsi d'emergenza, che però per diverse ore hanno cercato invano il povero atleta.

In attesa di notizie ufficiali, che siano come ci auguriamo rinfrancanti o meno, sono stati i due principali responsabili del 'Wrestling Observer' a fornire aggiornamenti sulla delicatissima situazione. Il primo è stato Dave Meltzer, che su Twitter ha informato di aver appreso da un amico che si trova proprio a Venice Beach che la situazione "non si sta mettendo bene". Qualche ora dopo è intervenuto anche Bryan Alvarez, che ha fornito un aggiornamento ancora più drammatico: intervenendo a 'Wrestling Observer Live' ha infatti affermato di aver ricevuto un messaggio da una persona che si trova a Venice Beach e secondo cui le ricerche sarebbero state addirittura sospese.

Ci auguriamo che in qualche modo le fonti sentite dai comunque autorevolissimi Meltzer e Alvarez siano state imprecise o addirittura abbiano fornito notizie sbagliate. E ovviamente rimaniamo in attesa e nella speranza che Brad Shepard sia tratto in salvo.

All'atleta e alla sua famiglia vanno tutti i pensieri dello staff di WorldWrestling.it e l'augurio che questo drammatico episodio sia risolto nel migliore dei modi.