Ryback attacca nuovamente la WWE: le risorse umane nel mirino



by   |  LETTURE 3247

Ryback attacca nuovamente la WWE: le risorse umane nel mirino

Ryback attacca nuovamente la WWE, che in questo periodo è già stata colpita da diversi problemi a livello societario e non solo: oltre alla pandemia globale e tutte le conseguenze cha ha portato negli show, alcuni azionisti hanno intentato una causa contro Vince McMahon ed i principali dirigenti.

A tutto questo, però, si aggiunge anche un altro, pesante, attacco, da parte dell'ex wrestler che, di tanto in tanto, è solito attaccare la federazione di Stamford. Tutto è partito, come riporta wrestlingnews, da un presunto dipendente della compagnia che avrebbe dichiarato: "Non posso espormi perchè ho bisogno di questo lavoro e sarò licenziato se rivelo la mia identità, ma nonostante le precauzioni sanitarie adottate, non possiamo mantenere le distanze sociali richieste e non ci sentiamo sicuri.

Chiedo al governo di sospendere queste registrazioni così da far rispettare tutte le regole di allontanamento senza timore di perdere il posto di lavoro" afferma un addetto ai lavori. La replica della compagnia di Stamford non si è fatta attendere e non solo ha negato il fatto che i dipendenti siano "in pericolo" ma ha anche aggiunto che questo sfogo non arriva sicuramente da un suo dipendete i quali, va ricordato, possono tranquillamente rivolgersi al dipartimento di Risorse Umane interno all'azienda.

L'ex wrestler della compagnia di Stamford, che ha più volte attaccato la federazione di Stamford, dopo aver analizzato la situazione ha affermato che, nonostante la WWE abbia cercato di smontare la dichiarazione del suo presunto dipendente, crede fermamente sia stato davvero un addetto ai lavori della compagnia a dire ciò.

Il Big Guy, infatti, ha tuonato: "E' inutile che dicano che (il dipendente, ndr) si possa rivolgersi alle risorse umane perchè sono praticamente inesistenti. Nessuno si fida: rivolgersi a loro significa far suicidare la propria carriera. Per questo, piuttosto di dar fiducia alla WWE HR, uno fa richieste attraverso altri mezzi".