WWE, Boneyard match: la Superstar perde e per i fan su Wikipedia è morta! *SPOILER*


by   |  LETTURE 6098
WWE, Boneyard match: la Superstar perde e per i fan su Wikipedia è morta! *SPOILER*

Come riportato in mattinata, a chiudere la prima serata dedicata a Wrestlemania 36, che quest'anno per colpa della pandemia da COVID-19 è andata in onda a porte chiuse dal Performance Center e da un "cimitero" sperduto in una campagna americana, c'è stato il tanto atteso primo Boneyard match della storia della WWE, con The Undertaker che ha letteralmente seppellito vivo il suo avversario, l'ex WWE Champion AJ Styles.

Dopo una lunga contesa condita anche dagli interventi di Luke Gallows, Karl Anderson e diversi individui vestiti da druidi del Deadman, che invece di aiutare lo stesso hanno invece fatto pendere pericolosamente l'ago della bilancia in favore di Styles, il Deadman della WWE è riuscito ad averla vinta nei confronti del suo avversario, colpendolo più volte con le sue finisher e "finendolo" prima di seppellirlo vivo, nella fossa scavata appositamente per mettere fine al match.
A questo punto, in molti di voi avranno capito, che la storyline nonchè la kayfabe della contesa ha superato di gran lunga l'immaginazione, arrivando addirittura a inscenare una morte on-screen, come molte altre volte avvenuto sui ring della WWE, dall'impiccagione di Big Bossman a Wrestlemania 15 al seppellimento dello stesso Undertaker nel Buried Alive match dell'edizione di Survivor Series del 2003, con il lottatore che risponde al nome di AJ Styles, che ovviamente non è morto, anche se la WWE lo ha fatto intendere on-screen.

A quanto pare, qualche buontempone o qualcuno che non ha ancora capito come funzionano le varie dimaniche del pro-wrestling, ha pensato bene di aggiornare la pagina Wikipedia dell'ex WWE Champion, inserendo anche la data della presunta morte di Styles, confermando quindi la data del 25 Marzo, ovvero la data in cui è stato registrato il match, come data della reale morte del wrestler, che invece è ovviamente vivo e vegeto.
Potete vedere voi stessi la pagina Wikipedia di Styles che testimonia l'esilarante cambio e nel caso in cui fosse stata già cambiata, vi riportiamo di seguito uno screen.