Per quale motivo una Superstar WWE non rinnoverà il suo contratto?



by   |  LETTURE 6889

Per quale motivo una Superstar WWE non rinnoverà il suo contratto?

Dopo essere stato messo KO una prima volta con un violento conchairto da parte di Randy Orton nella puntata della scorsa settimana di Monday Night Raw, sembrava che Matt Hardy potesse tornare definitivamente on-screen per qualche tempo nella puntata di lunedì scorso, quando avrebbe dovuto affrontare ancora una volta Orton in un match senza squalifiche, che però non è andato in scena per le precarie condizioni fisiche in cui versava il leggendario atleta fratello di Jeff (sempre secondo la kayfabe).

Ad andare in scena nell'ultimo episodio dello show rosso della federazione dei McMahon, invece, c'è stato l'ennesimo attacco gratuito e violentissimo della Vipera della compagnia, che dopo un'RKO, ha colpito ancora una volta la testa del suo avversario con una sedia, questa volta dopo averla messa sui gradoni d'acciaio utilizzati per entrare sul ring, scrivendo la parola "fine" a caratteri cubitali sullo stint del più grande dei fratelli Hardy in WWE.
Come riprotato più volte da noi di WorldWrestling, la federazione avrebbe messo in scena tale angle per giustificare la prossima assenza del lottatore ex TNA, che a quanto pare è in rotta con la dirigenza della federazione, rea di rigettare ogni tipo di idea da parte del padre del "Woken Universe"
Come riportato da Mike Johnson nel PWInsider Elite, Matt Hardy avrebbe respinto ogni tipo di rinnovo, anche con un ammontare economico non indifferente e aggiungendo:

"La realtà è questa: se la WWE vuole che qualcuno resti hanno le finanze per pagarlo e dire 'Ascolta ti daremo più soldi di quelli che potresti immaginare in tutta la tua vita se pensiamo ne valga la pena.'

Quello che ho sentito in merito a Hardy è che i soldi non siano il problema. Lui non vuole essere pagato per stare seduto a non fare niente e non vuole essere un tipo di ragazzo così. Quindi, è molto probabile che si affacci alla AEW o un altro posto simile, che rimane assolutamente una cosa positiva per il pro wrestling."