La WWE viene accusata da altre compagnie di concorrenza sleale


by   |  LETTURE 1447
La WWE viene accusata da altre compagnie di concorrenza sleale

Molte volte il mercato del pro-wrestling come in generale quello dello sport, del calcio in particolar modo o comunque quelle compagnie che riescono a fare molti soldi anche con una sola personalità famosa all'interno di esse, qualcuno viene accusato di aver boicottato il "nemico", tentando di fare carte false per portare via i pezzi da 90 della concorrenza, cercando così di innalzare lo status della propria compagnia, facendo più denaro possibile con la fama degli atleti in questione.

A quanto pare la WWE ci sarebbe ricascata, cercando di fare letteralmente mambassa degli atleti più famosi del mondo indipendente senza guardare in faccia a nessuno, venendo addirittura additata come compagnia sleale che cerca di manomettere i contratti degli atleti delle compagnie rivali, venendo accusata formalmente anche dalla MLW.
La Major League Wrestling, infatti, secondo quanto riportato da PWInsider, avrebbe accusato la WWE di aver tentato di manomettere i contratti di alcuni dei suoi lottatori più importanti, per portarli più volte nelle trasmissioni WWE, uno su tutto Davey Boy Smith Jr, visto solo qualche giorno fa nella trasmissione WWE The Bump, nonostante sia tuttora sotto contratto con la MLW.
Sulle pagine del noto sito, infatti, viene riportato:

"Quando abbiamo chiesto alla MLW se questo fosse un gemellaggio per far apparire Davey Boy Smith Jr lo scorso mercoledì a WWE The Bump, ci è stato detto che loro non sapevano nulla dell'apparizione di Smith nè tantomeno di quelle di altri multipli talenti sugli schermi WWE.

"

Come riportato sui contratti delle Star menzionate, c'è un divieto categorico per loro di poter lavorare con la WWE durante la durata del proprio accordo con la MLW, pertanto:

"Una fonte interna alla MLW ha fatto notare che ci sono una 'miriade' di prove per poter portare la WWE davanti ad un giudice, ma si spera che questa cosa non accadrà facendo qualche altro accordo."



Qualora la WWE abbia infatti volutamente aggirato alcune clausole degli atleti di altre federazioni, non c'è team di avvocati che tenga; la federazione di Stamford infatti dovrebbe pagare multe salatissime se le compagnie rivali dovessero denunciare i McMahon con tanto di prove alla mano.