Perché la WWE ha rilasciato i quattro wrestler nella giornata di ieri?


by   |  LETTURE 9340
Perché la WWE ha rilasciato i quattro wrestler nella giornata di ieri?

Come avrete probabilmente potuto vedere durante la serata di ieri, la WWE ha garantito il rilascio ad alcuni dei suoi atleti scontenti da un po' della gestione che stavano avendo sui ring della federazione, arrivando alla fine ad un rilascio consensuale da entrambe le parti che per qualcuno è sembrato quasi come la fine di una prigonia forzata.

Gli atleti in questione sono Sin Cara, Luke Harper ed entrambi i membri degli Ascension.
Dopo mesi e mesi di continue richieste da parte loro ed anche da parte di altri atleti della compagnia, (vedi Mike Kanellis che rimane ancora saldo nel roster WWE), la dirigenza ha ritenuto opportuno arrivare al termine del contratto dei quattro, in quanto secondo loro non sarebbero dei grossi rinforzi per la concorrenza, AEW su tutti.
La voglia della compagnia di Stamford era infatti quella di rilasciare più personale possibile che non andasse però ad accasarsi nelle compagnie della concorrenza più dirette come la All Elite Wrestling.
La AEW ha già diverse volte dichiarato tramite i suoi portavoce che non ha intenzione di costruire il proprio roster con gli "scarti" della WWE, quindi dietro i rilasci di ieri c'è un lavoro oculato da parte della federazione dei McMahon, che ha scelto le Superstar insoddisfatte ma anche quelle meno appetibili sul mercato americano, eccezion fatta per Luk Harper, che avendo molto amici in AEW potrebbe presto accasarsi nella compagnia dei Khan.

Il motivo principale che ha però spinto la WWE a rilasciare i quattro atleti, secondo WrestlingNews.com, sarebbe da ricercarsi dietro la voglia della compagnia di fare cassa, eliminando così gli stipendi del personale che a lei non serve più e creando quindi un piccolo tesoretto da poter utilizzare con i talenti dell'upper card scontenti, che la WWE potrebbe convincere a rimanere solo con una somma maggiore di denaro, per potergli aumentare il salario.