La WWE prova un esperimento di marketing con la nuova cintura Universale


by   |  LETTURE 3934
La WWE prova un esperimento di marketing con la nuova cintura Universale

Come ampiamente visto durante l'ultima puntata di Smackdown andata in onda venerdì scorso e come ampiamente riportato nella nostra newsboard, il WWE Universal Champion di Smackdown, Bray Wyatt, che molto spesso assume le sembianze del Fiend della compagnia, potente demone apparentemente indistruttibile, ha presentato al mondo intero un nuovo concetto di cintura Universale a lui totalmente dedicata.

Il demone di Smackdown si presenterà d'ora in avanti ogni qualvolta apparirà sottoforma di The Fiend con la cintura personalizzata che riporta il suo faccione in primo piano, così da potersi distinguere in maniera decisa dal su alter ego Bray Wyatt.
Durante la stessa serata di venerdì, la dirigenza WWE ha immediatamente messo in vendita le repliche di tali cintura ad un prezzo esorbitante sul WWE Shop ufficiale, ad una somma che si avvicina ai nostri 6000 euro.
A quanto pare, secondo quanto riportato dal Wrestling Observer, la scelta di mettere il titolo ad un prezzo così alto è stato un vero e proprio esperimento da parte della WWE, che non conta di mercificare chissà quanto con i ricavi delle vendite di questo pezzo, quanto di testare le possibilità economiche dei fan più duraturi della compagnia, i quali spendono a volte cifre sorprendenti sullo shop ufficiale della federazione, anche senza combinare troppi acquisti.
La volontà esplicita della dirigenza è appunto quella di vedere quante vendite avrà il titolo del Fiend, per provare a capire che possibilità futura c'è di poter mettere sul mercato oggetti simili, che si avvicinino anche a tali prezzi, per vedere se è possibile espandere il mercato del merchandising ufficiale anche con altri prodotti di nicchia.
Le prime cintura replica del nuovo Universal Championship saranno comunque pronte non prima del 20 Dicembre, segno che comunque la federazione ci sta andando piano con la produzione, per evitare di farsi rimanere "sul groppone" troppe copie di tale cintura, che rimangono comunque oggetti unici, essendo fatti a mano.