WWE, Corey Graves chiede scusa a Mauro Ranallo dopo i suoi tweet



by   |  LETTURE 1510

WWE, Corey Graves chiede scusa a Mauro Ranallo dopo i suoi tweet

Durante la giornata di lunedì vi avevamo riportato come la situazione tra il comparto dei commentatori della WWE non fosse dei migliori, con una situazione spinosa avvenuta tra Corey Graves ed il collega Mauro Ranallo nella notte di NXT TakeOver War Games III, nella quale Graves aveva condiviso un tweet in cui polemizzava in maniera abbastanza diretta con il lavoro svolto dal collega Ranallo, reo a suo dire di aver letteralmente coperto i due colleghi di tavolo e che aveva portato lo stesso commentatore di NXT a cancellare il proprio account su Twitter.

Durante l'apertura dell'episodio di After The Bell di questa settimana, l'ex wrestler di NXT e attuale commentatore di successo della compagnia di Stamford nel main roster, ha voluto chiedere scusa pubblicamente al collega Ranallo, dicendo:

"Come state tutti voi? Benvenuti ad After The Bell, io sono Corey Graves.

Abbiamo molto di cui parlare in merito a questa settimana, ma prima di partire vorrei parlarvi di una cosa personale, che avrei bisogno di affontare prima di cominciare. Lo scorso sabato, durante TakeOver: War Games, ho scritto un tweet, un'opinione personale assolutamente impopolare, come faccio spesso per creare qualche controversia, magari per fare qualcosa di simpatico di cui parlare poi in tv o qui nello show.

Non è stato probabilmente il modo più professionale di uscire con quella cosa, ma non intendevo assolutamente offendere, mancare di rispetto o denigrare nessuno. Non è mai stata mia intenzione. Se è stata presa così, mi scuso dal più profondo.

Non era mia intenzione. Non ho mai voluto intenzionalmente causare dello stress a nessuno, specialmente ad un collega. Quindi chiedo scusa."

Parole molto sentite quelle del commentatore che chiude così le polemiche scaturite dal tweet controverso scritto durante la serata di sabato, che avevano molto colpito Ranallo, tanto da portarlo a cancellare il proprio profilo social, dopo aver subito anche in passato una brutta esperienza con l'altro collega JBL, in merito a commenti brutali e mobbing lavorativo.