WWE, il curioso caso di Baron Corbin: "È il portinaio di SmackDown su Fox"



by   |  LETTURE 2405

WWE, il curioso caso di Baron Corbin: "È il portinaio di SmackDown su Fox"

Ci avete fatto caso? Da quando SmackDown è passato al venerdì notte (e quindi da quando in America non viene più trasmesso da Usa Network, bensì dalla Fox), ogni puntata dello show blu sembra essere caratterizzata da un aspetto sempre uguale e apparentemente immodificabile: il primo segmento vede sempre la presenza di King Baron Corbin.

In particolare le ultime due edizioni di SmackDown sono state parecchio criticate, per la presentazione e poi riproposizione di due segmenti in cui Corbin se la prendeva con Roman Reigns di fatto associandolo non tanto al suo ormai tradizionale Big Dog quanto a un cagnolino di piccola taglia. Ma come fatto puntualmente notare dall'uomo delle statistiche di 'Cageside Seats', Cain A Knight, non sono certo state solo le puntate dell'8 e 15 novembre ad essere aperte dal neoeletto Re del Ring.

Perfino la primissima puntata di SmackDown su Fox vide Corbin tra i protagonisti del segmento di apertura, insieme a The Rock e Becky Lynch (era il 4 ottobre). Dopo una settimana di stop, quella dell'11 ottobre (era il giorni del Draft e SmackDown fu aperto dal match tra Seth Rollins e Roman Reigns), il buon Baron è quindi intervenuto nel corso dell'opening match del 18 ottobre tra Shinsuke Nakamura e Roman Reigns e ha preso parte alla chiacchierata multipla del 25 ottobre, con i membri del suo Team Flair contrapposti a quelli del Team Hogan.

Manca ovviamente la puntata del 1° novembre, dato che come sappiamo la quasi totalità del roster era ancora bloccata in Arabia Saudita: e sarebbe interessante capire se anche in quel caso SmackDown nelle previsioni dovesse essere aperto da King Corbin, per un incredibile filotto di sei su sette.

Ricordiamo che anche un anno fa, esattamente in questo periodo dell'anno tra l'altro, l'allora Constable Baron Corbin imperversava nell'altro show, ossia Raw, di cui era una delle colonne narrative andando in alcuni casi a occuparne idealmente addirittura due ore su tre. Venne poi ricoperto d'infamia dall'intera famiglia McMahon in un indimenticabile segmento post TLC 2018, in cui in chiave storyline gli furono attribuite le responsabilità per un fatto reale, ossia i cattivi ascolti fatti registrare da Raw per tutto l'anno.

Che in WWE non abbiano imparato la lezione, riproducendo lo stesso schema ora anche in Fox (dove peraltro sembrano già non poterne più)?