Ha fatto maschera di Bray Wyatt, ora avvisa: "Ancora non avete visto nulla"


by   |  LETTURE 8684
Ha fatto maschera di Bray Wyatt, ora avvisa: "Ancora non avete visto nulla"

Che il nuovo Bray Wyatt della Firefly FunHouse avesse in serbo qualcosa che ci avrebbe fatto visita nei peggiori incubi lo si era capito quando ancora non era arrivato l'esordio di The Fiend, e l'ex WWE Champion si limitava a parlare agli ipotetici bambini cui è rivolto il suo inquietante show.

Ma dopo SummerSlam abbiamo intuito le pieghe di oscurità in cui questo personaggio si potrebbe infilare. Solo intuito, perché secondo colui che ha addirittura progettato l'inquietante maschera del lottatore, ce ne saranno ancora di belle da vedere nel prossimo futuro.

Parola di Jason Baker, che lavora nientemeno che per Tom Savini, una delle autentiche istituzioni a Hollywood per quanto riguarda trucco, effetti speciali e abiti di scena legati al mondo dell'horror. Eppure lo stesso Baker, intercettato da 'Gamespot', ha ammesso: "La Firefly FunHouse mi ha consumato la vita.

Capiamoci bene, non voglio che questa suoni come una lamentela. Mi sono divertito tantissimo a lavorarci sopra, è stato come un sogno divenuto realtà" E Baker ha confermato quanto in realtà è già ampiamente circolato, cioè che la mano dello stesso Bray Wyatt su quanto stiamo vedendo sui ring della WWE è in gran parte opera della sua fantasia: "Anzi, vi dirò di più, è tutto una grande idea di Bray.

Lui aveva tutto nella mente, ce l'ha spiegato e noi abbiamo realizzato alcune concept art, ma lui non era convinto. Così ha assunto un disegnatore di schizzi davvero, davvero bravo che si chiama Kyle Scarborough che è di St Louis, e gli ha fatto realizzare delle nuove concept art.

Quei disegni erano fantastici, noi li abbiamo presi e li abbiamo portati in vita" Baker ha quindi spiegato in cosa è consistito il lavoro della troupe di Tom Savini: "I progetti erano buoni, ma sulla maschera c'è anche il nostro timbro.

Andava modellata, resa indicata allo scopo e anche confortevole da essere indossata. Se il ragazzo ce l'ha addosso mentre la fa fare addosso al pubblico, deve infatti essere anche sicuro di poter vedere bene attraverso la maschera e che non gli si stacchi mai, qualsiasi cosa accada"

Un lavoro certosino, che però è tutt'altro che finito: "La gente deve continuare a seguire Bray Wyatt, perché non hanno ancora visto nulla. Se pensano che questa sia la cosa più grande che sia mai accaduta, devono solo continuare a guardare. Perderanno la testa", ha garantito il costumista.