Ex World Heavyweight Champion attacca la WWE: "Dean Ambrose dice il vero"


by   |  LETTURE 4388
Ex World Heavyweight Champion attacca la WWE: "Dean Ambrose dice il vero"

Sono passati ormai diversi tempi da quando Jon Moxley attaccò senza giri di parole la WWE, raccontando di come gli ultimi tempi trascorsi nella compagnia di Stamford nei panni di Dean Ambrose lo avevano condotto a un passo dalla depressione.

Ma nel frattempo un altro ex atleta che nella compagnia di Stamford divenne campione del mondo a SmackDown proprio come Ambrose (solo che al tempo il titolo assoluto dello show blu era il World Heavyweight Championship) è tornato sulle parole del collega, raccontando di aver vissuto una situazione per molti versi paragonabile.

Stiamo parlando di Jack Hager, che in WWE era noto come Jack Swagger e che ora ha abbandonato il wrestling per dedicarsi alle arti marziali miste presso la Bellator. L'All American American ha parlato in un'intervista concessa a Nick Hausman sul suo podcast 'WINCLY' ed è tornato sulle durissime parole di Moxley o Ambrose, che dir si voglia: "Non ho ascoltato il podcast - ha premesso -, ma mi sono recuperato diversi riassunti e da quello che ho potuto capire, mi torna tutto.

Ha detto cose che corrispondono al vero, ed è quello che succede quando ti ritrovi in una grande azienda come la WWE. Alcune cose possono perdersi per strada o essere rovinate" Swagger ha poi risposto in maniera molto chiara alla domanda del conduttore, curioso di sapere se in WWE gli avessero chiesto di fare qualcosa che non gli piaceva o per la quale si sia sentito a disagio: "Dal punto di vista del personaggio, mi è successo per tutto il tempo - ha sorriso amaramente -, c'erano situazioni che chiaramente non avrebbero funzionato...

Cose come ciò che è successo al 1000esimo episodio di Raw, quando stato battuto da Brodus Clay in sei secondi. Letteralmente, sono solo andato a sbattere contro il turnbuckle e poi mi ha schienato, il tutto per problemi di tempo.

Quello è stato un grande episodio, ma cose del genere ti fanno capire che per te non c'è il tempo di costruire nulla di buono"