Undertaker, nuova stranezza: "Perche' e' 7 cm piu' basso?"



by   |  LETTURE 72750

Undertaker, nuova stranezza: "Perche' e' 7 cm piu' basso?"

Undertaker e le sue condizioni di salute stanno diventando un vero e proprio tormentone delle ultime settimane in WWE.

Dopo la diffusione di alcune immagini in cui il Phenom sembrava muoversi grazie all'aiuto di un paio di stampelle si è diffuso a macchia d'olio l'allarme: come sta il Becchino? Sarà in grado di lottare a WrestleMania 33 o il peso degli anni è diventato troppo anche per una leggenda come lui?

Dopo che anche "Superstar" Billy Graham si era detto preoccupato è arrivata una prima ondata di sollievo quando si è saputo che Taker si era semplicemente sottoposto a un'operazione all'anca da cui stava effettuando la riabilitazione.

Poi sono state diffuse alcune foto in cui il Deadman è invece apparso in ottima forma (e in costume di scena) mentre presenziava alla Opening Night Championship Celebration dei Cleveland Cavaliers, campioni NBA in carica.

Analizzando proprio queste foto, però, a distanza di giorni a qualcuno è venuto un dubbio.

Undertaker, lottatore noto tra le altre cose per la sua colossale stazza, posa infatti a fianco di atleti NBA che a loro volta superano abbondantemente i due metri di altezza. E proprio questo dettaglio crea l'ennesimo mistero intorno al Becchino.

Undertaker risulta essere alto 2,08 metri, ma in un filmato in cui appare al fianco di Kevin Love, ala grande dei Cavs, sembra decisamente più basso di quest'ultimo.

E gli almanacchi riportano che l'altezza di Love è esattamente 2,08 metri.

Non solo: in un'altra immagine Taker conversa con Richard Jefferson, giocatore alto 2,01 metri e che quindi sulla carta dovrebbe regalare 7 cm all'ex campione del mondo.

Invece i due sembrano essere alti uguale:

Dopo qualche giorno dalla diffusione delle foto di un Undertaker "sano", quindi, ecco un nuovo mistero? Per quale motivo è più basso di ben 7 cm? Che sia effettivamente Mark Calaway e non un sosia non sembrano esserci dubbi. Ma questo, invece che risolverlo, sembra alimentare ulteriormente l'enigma.