Quali erano i piani di Impact Bound For Glory?


by   |  LETTURE 850
Quali erano i piani di Impact Bound For Glory?

Dopo il finale di Bound For Glory, continuano a girare interessanti voci riguardanti il PPV più importante dell'anno di Impact Wrestling. Stando alla Wrestling Observer Newsletter di Davel Meltzer infatti, sembra che il tag team match che ha aperto l'evento (Matt Sydal ed Ethan Page vs Rich Swann e Willie Mack ndr) prevedeva un partner diverso per l'ex WWE Cruiserweight Champion.

A quanto pare la federazione di Toronto ha pensato alla figura di Low Ki, ex wrestler della compagnia nella quale ha detenuto ben cinque titoli X-Division; ma quest'ultimo non ha accettato l'offerta (segno che il rancore per la chiusura del rapporto tra le due parti nell'estate 2017 sia ancora vivo).

Sempre durante lo show abbiamo assistito ad un altro match con un wrestler misterioso e cioè la Open Challenge di Eli Drake che ha poi portato quest'ultimo ad affrontare James Ellsworth. Ebbene, anche in questo caso la scelta della dirigenza non era caduta sul vociferato Chris Jericho (per molti era in procinto di debuttare in quel di Impact), ma su Joey Janela.

Janela ha preso parte ad ALL IN, l'evento indipendente più importante dell'anno (e probabilmente della storia) andato in onda lo scorso primo settembre e che vide Don Callis (Vice Presidente Esecutivo di Impact Wrestling ndr) al tavolo di commento.

Stando alle fonti presenti ad ALL IN, Callis rimase particolarmente impressionato da Janela, tanto da offrirgli la possibilità di metterlo sotto contratto, ma al momento questo debutto in quel di Impact sembra solo rimandato a causa dell'infortunio recentemente riportato.