Luke Harper visibilmente frustrato con la WWE: "Mi hanno ignorato per mesi"


by   |  LETTURE 2693
Luke Harper visibilmente frustrato con la WWE: "Mi hanno ignorato per mesi"

Luke Harper è considerato uno dei wrestler più sottovalutati all'interno della WWE. Dopo essere stato fermo ai box per alcuni mesi a causa di un infortunio alla mano sinistra, l'ex campione di coppia di SmackDown Live ha compiuto il suo ritorno a sopresa in un live event di Rochester, ma la Compagnia sembrerebbe non avergli dato molta importanza.

Per questo motivo il suo ritorno "ufficiale" avverrà la prossima settimana durante l'Axxess di WrestleMania come parte dello special "Worlds Collide": a scontrarsi saranno alcuni atleti di Raw, SmackDown Live, NXT, 205 Live e NXT UK.

Per l'occasione l'ex membro della Wyatt Family affronterà la superstar dello show giallo Dominik Dijakovic. Passare dall'essere campione a non avere un posto nella card del PPV più importante dell'anno ha senza ombra di dubbio ferito l'orgoglio di Luke Harper, che ha però deciso di prendere questa situazione come monito per dimostrare a tutti il suo valore.

Queste le sue dichiarazioni eloquenti in una lettera pubblicata su Twitter: "Ho 39 anni. Sono rimasto fermo per un infortunio subito a ottobre, ma mi era stato dato il via libera dei medici a febbraio. Da allora non sono ancora tornato sugli schermi della WWE.

6 anni fa ho preso parte a numerosi match all'Axxess e sono stato parte dell'entrata di Undertaker a WrestleMania. 5 anni fa ho avuto un posto in prima fila per guardare Bray Wyatt affrontare John Cena, poi ho vinto il mio primo titolo intercontinentale e 3 anni fa ho portato Brock Lesnar al limite in uno show a Toronto andato in onda sul Network.

2 anni fa sono stato ad un passo dal lottare a WrestleMania per il titolo WWE e 1 anno fa ho vinto i titoli di coppia di SmackDown Live con Eric Rowan, mentre mia moglie e i miei figli hanno guardato il tutto da bordoring".

"Giovedì prossimo lotterò contro Dominik Dijakovic all'Axxess. Il cerchio si completa. Molti mi hanno in chiesto in questi mesi se mi fossi ritirato dalle scene. Ho dovuto mettere da parte il mio orgoglio quando gli agenti della WWE non hanno avuto nulla per me, nonostante fossi completamente guarito.

Ed ora eccoci qua. Per me non si tratta di un match riempitivo, ma di un test importante per il mio futuro sul ring. Posso farcela? Posso competere allo stello livello di un talento molto più giovane di me o la mia età sarà un grave problema? Scrivere questa lettera mi porta quasi alle lacrime perchè credo fortemente di avere tanto da offrire a questo business.

Sono sicuro che un giorno riuscirò a diventare campione mondiale. Ci credo ancora e ci spero, ma vivo ogni giorno con mille dubbi. Essere ignorato per mesi e lasciato a casa senza una spiegazione fa davvero schifo. So di dover provare molto a me stesso, alla WWE, al mondo del wrestling in generale, a mia moglie e soprattutto ai miei figli, per dimostrare loro che le avversità possono essere superate".