Caso Hulk Hogan, Titus O'Neil alza la voce: "La mia verità"


by   |  LETTURE 3036
Caso Hulk Hogan, Titus O'Neil alza la voce: "La mia verità"

Il ritorno di Hulk Hogan nelle grazie della WWE è stato uno degli argomenti più chiacchierati degli ultimi giorni. Numerosi rumors si sono sparsi sul web circa un particolare episodio nel quale Tiuts O'Neil avrebbe rifiutato una stretta di mano dell'Hulkster nel backstage di Extreme Rules, non accettando le sue scuse per i commenti razzisti rivelati nel 2015.

Dopo che il New Day ha espresso la propria opinione sul reinserimento di Hulk Hogan nella Hall of Fame, ora anche Titus O'Neil ha utilizzato Twitter per fare chiarezza sulla faccenda attraverso il seguente comunicato:

"Ai miei fan e al WWE Universe.

Le voci sul mio "boicottaggio" di Extreme Rules a Pittsburgh sono totalmente false. Non ero programmato per alcun match o segmento ad Extreme Rules. Gli atleti presenti nel backstage, come me, sono stati invitati ad ascoltare un discorso di Mr.

Terry Bollea (Hulk Hogan ndr.) nel quale ha comunicato a tutti che è stato reinserito nella Hall of Fame. Non sono mai intervenuto personalmente, né durante il discorso né dopo. E ci tengo ad aggiungere che non ho mai rifiutato la stretta di mano di Mr.

Bollea; anzi, non abbiamo proprio avuto un'interazione faccia a faccia. Per quanto riguarda il reinserimento di Mr. Bollea, posso solo dire che sono favorevole a concedere seconde ed anche terze opportunità ad individui che dimostrano rimorso genuino, che ammettono i propri errori, che soddisfano la propria punizione e si impegnano per correggere i propri errori.

Purtroppo, devo ammettere un senso di insoddisfazione espresso da molti dei miei colleghi riguardo le scuse di Mr. Bollea e la sua mancanza di vero rimorso e desiderio di cambiare. La sua scusa che "non sapeva di essere registrato" non giustifica i commenti pieni d'odio che sono stati espressi, commenti che hanno causato gravi violenze contro persone di colore ed altre minoranze per secoli.

Sono convinto che Mr. Bollea debba essere reintegrato in WWE; è stato ed è tutt'ora un modello, un eroe ed un icona per tantissime persone. Spero che i suoi errori nella comunicazione con gli atleti WWE a Pittsburgh non saranno ripetuti anche con i suoi fan e che seguirà un programma dedicato a chiarire a tutti che il suo linguaggio è stato sbagliato, inappropriato e che non dovrebbe essere tollerato in una società civile ed aperta a tutti.

Come padre di due ragazzi di colore, ho speso la loro intera vita e la maggior parte della mia vita da adulto con un solo obiettivo in mente: essere un modello per i miei figli e tutti i ragazzi e le ragazze di colore. Sono tremendamente orgoglioso dei miei atti di carità e delle attività che ho fatto per il bene della comunità, e che ho condiviso grazie ai mezzi che ho avuto a disposizione.

Ho insegnato ai miei figli il valore dell'amore e della tolleranza per chiunque, ma gli insegno anche ad agire onestamente e con rispetto. Spero che questo abbia chiarito qualsiasi dubbio. Continuerò, come il New Day, ad usare i miei mezzi per influenzare positivamente persone da tutto il mondo." Il messaggio ha raccolto messaggi di supporto da molti suoi colleghi, tra cui Finn Bàlor e Sasha Banks.

.