Matt Riddle rompe il silenzio dopo le accuse di abuso di sostanze stupefacenti



by   |  LETTURE 1108

Matt Riddle rompe il silenzio dopo le accuse di abuso di sostanze stupefacenti

A quanto pare, negli ultimi mesi la WWE avrebbe riscontrato dei problemi con il Wellness Program per quanto riguarda Matt Riddle. Il Wellness Program, è come tutti ricorderete, quel programma che si occupa della salvaguardia delle Superstar e degli atleti WWE e che impedisce loro di fare uso di droghe, alcool e sostanze psicotrope, pena delle multe e delle sospensioni, fino ad arrivare anche al licenziamento, se le violazioni sono reiterate nel tempo.

Secondo quanto riportato dal giornalista Cassidy Haynes, del sito Bodyslam, sembra che Riddle abbia fallito ben due test negli ultimi mesi (e non si parla di semplice marijuana), costringendo la WWE a metterlo alle strette: o l'atleta sarebbe entrato in una clinica riabilitativa o sarebbe stato licenziato.


A quanto pare, già sotto il regime di Vince McMahon, Riddle era stato avvertito, con una violazione arrivata in estate, prima di SummerSlam, la quale avrebbe impedito di vedere il suo match contro Seth Rollins, come ricorderete dal match estromesso dalla card del Big Four estivo e pra quindi sappiamo le vere ragioni dietro questa scelta di booking.

Il wrestler parla ai fans sui social

In un post sui suoi social, Matt Riddle ha rotto il silenzio dopo tutti questi rumors scrivendo: “Ho lavorato molto su me stesso ultimamente e ho detto molto di no ponendomi dei limiti per la prima volta e alcune persone non sono felici, ma non potrei essere più sano o felice. Grazie per tutto il supporto.”

La situazione in cui si trova il Bro è stata affrontata anche nell’ultima edizione della Wrestling Observe Radio dove Dave Meltzer e Bryan Alvarez hanno detto: “Se questa storia è vera, allora è lecito porsi delle domande. Se Matt Riddle ha fallito ben due test negli ultimi mesi, perché non è stato sospeso dopo la prima violazione? La WWE è tenuta ad annunciare ogni singola violazione riguardante gli atleti del roster principale. È strano che l'azienda non abbia comunicato nessuna delle due infrazioni.”