Guerra social tra Sheamus e MJF: volano frecciatine pesanti



by   |  LETTURE 2015

Guerra social tra Sheamus e MJF: volano frecciatine pesanti

Tutta colpa di Happy Corbin, direbbe qualcuno. Eh sì, perché il wrestler ha fatto letteralmente partire una guerra social tra un suo collega WWE e uno AEW, ovvero Sheamus e Maxwell Jacob Friedman.

Il tutto è partito dalla classifica PWI 500, che negli ultimi due giorni ha infiammato il web con i fans che ovviamente si sono lamentati o hanno espresso gioia nel vedere gli atleti che amano e odiano in determinate posizioni in classifica, anche se si è creata un po’ di confusione ad un certo punto.

Come vi abbiamo anche riportato al primo posto quest’anno c’è Roman Reigns, e Sheamus si è sentito in dovere di dire la sua, con l’irlandese che quest’anno si è posizionato al numero 126. Infatti ha scritto su Twitter la classifica dove in ogni posizione lui era presente, facendoci capire che si ritiene il migliore per quanto riguarda fare cose belle e memorabili, con Corbin che gli ha risposto: “Se lo dici alle persone ancora e ancora e ancora e ancora e ancora magari ci crederanno,” aggiungendo anche: “Grazie per l’informazione. Non sono un mark quindi non ho letto il numero [di PWI ndr.]. Vediamo se riuscirai a farti ritwittare a Dave.”

Entra in gioco MJF

A quel punto Sheamus ha risposto a Corbin: “Kayfabe fratello, kayfabe… i veri heel indossano la sciarpa." L’ex King allora gli ha risposto: “Eccoti di nuovo… internet per favore amami. Senti, sto alludendo alle cosiddette cose proibite. Nota a margine che la sua sciarpa è fantastica, e potrei comprargli un borsalino abbinato tanto per.”

Ecco che MJF ha ricondiviso il tweet sulla kayfabe di Sheamus rispondendo: “Triste,” con l’irlandese che a sua volta ha risposto con una gif di McGregor che dice: “Chi cavolo è questo ragazzo???”

MJF ha replicato ancora un'ultima volta menzionando il fatto che ha capito che il collega si stava riferendo a lui e anche se gioca a fare il top guy ci ha messo anni a capire come sollevarsi e far funzionare il suo lavoro, mentre lui ci ha messo un giorno.

Tutti i tweet ve li lasciamo qui sotto: