MJF omaggia Roman Reigns e la sua Bloodline durante WWE SmackDown



by   |  LETTURE 2504

MJF omaggia Roman Reigns e la sua Bloodline durante WWE SmackDown

Durante lo show di Friday Night SmackDown andato in onda il 9 settembre, gli Usos e Sami Zayn hanno presentato Solo Sikoa come il nuovo membro della Bloodline. Jimmy, Jey, Sami e Solo si sono messi a parlare e prima che Drew McIntyre potesse interromperli accompagnato da una sedia, ovviamente hanno fatto il gesto “We are the Ones” che ormai contraddistingue la stable.

MJF ha twittato con il suo gesto "We are the Ones" apparentemente per far sapere a tutti che stava guardando lo show in quel momento. Non è la prima volta che l’atleta che è da poco torna in AEW, si è messo sotto i riflettori con l’argomento Roman Reigns.

LEGGI IL NOSTRO REPORT DI SMACKDOWN DEL 09/09/2022

Frecciatine, ma con rispetto

Apparso nello show Rasslin’ con Brandon Walker nel 2021, MJF aveva parlato del suo possibile futuro in WWE e magari una sfida contro Roman Reigns, non tirandosi indietro con qualche frecciatina in stile MJF che ormai tutto il pubblico di wrestling conosce bene: “Roman Reigns ha perso nel gruppo demografico chiave contro Ruby Soho, e Ruby Soho fa schifo, quindi non so cosa dirti. Penso che Roman Reigns sia un grande performer, lo è davvero. Penso che sia assolutamente incredibile. Sono migliore di lui con il microfono e sul ring? Certo, ma non ho intenzione di uscire e parlare male di lui perché lo rispetto.

Rispetto quello che fa. Rispetto il duro lavoro che è necessario mettere in quel prodotto che è la WWE. Di nuovo, un giorno potrei lavorare lì. Sono anche sicuro che quando mi vedrà, farà finta di non sapere chi sono perché è quello che fanno laggiù. Quando in realtà so che stanno tutti guardando le nostre cose. Di nuovo, non posso sottolinearlo abbastanza, sono un grande fan di Roman Reigns. Penso che sia grande. Mi piacerebbe lavorare con lui un giorno.”

Il wrestler aveva anche "minacciato" più volte di andare in WWE a sfidare Roman nel caso in cui Khan non si fosse deciso ad aumentargli lo stipendio sul contratto che è in scadenza nel 2024.