Alcuni fan WWE associano la Retribution ai rivoltosi USA, ma gli atleti non ci stanno



by   |  LETTURE 527

Alcuni fan WWE associano la Retribution ai rivoltosi USA, ma gli atleti non ci stanno

Nelle ultime ore, un nuovo grosso problema ha investito il mondo della politica e della società negli Stati Uniti. Come tutti voi saprete, infatti, nella giornata di mercoledì scorso il Congresso degli Stati Uniti che si era riunito per ufficializzare la nuova presidenza di Joe Biden è stato preso d'assalto da diversi manifestanti pro-Trump, che hanno messo letteralmente a ferro e fuoco l'intera città di Washington dove si stava tenendo l'importante riunione, con la polizia che non ha potuto far altro che arrestare diversi di loro, arrivando purtroppo a mietere anche alcune vittime che sono diventate inevitabili in alcuni scontri molto duri.

Già nella notte (orario italiano), diversi membri del mondo del pro-wrestling avevano iniziato a scrivere sui propri social diversi commenti di condanna verso gli atti che andavano in scena da Capitol Hill, con Mick Foley che preso dalla rabbia era arrivato anche a chiedere a Vince McMahon di estromettere l'ex presidente Donald Trump dalla Hall of Fame della compagnia, per via dell'appoggio dell'ormai ex presidente degli Stati Uniti al suo "popolo insurrezionalista"

Anche la Retribution condanna aspramente i fatti di Capitol Hill

Dopo quanto visto su tutte le tv e i telegiornali del mondo, diversi fan poco spiritosi hanno cominciato a trovare delle assurde quanto improbabili similitudini tra gli insurrezionalisti di Capitol Hill e gli atleti che fanno parte della Retribution della WWE, con alcuni dei protagonisti dello show rosso della federazione che sono rimasti però parecchio risentiti della cosa ed hanno quindi risposto a tono ai loro detrattori.

Nelle ultime ore, infatti, sia T-Bar che Reckoning hanno voluto rispondere in maneira molto dura a chi gli dava dei "terroristi", con i due atleti di Monday Night Raw che hanno infatti scritto sui proprio account Twitter:

"Io sono l'unico bianco Americano nel gruppo, quindi il confronto non solo non è accurato, ma sinceramente è anche imbarazzante.

Prendi i tuoi scherzi idioti e ficcateli su per il c**o" .


"Non ci paragonare ai terroristi.

Levati dai co**ni con questa spazzatura" . Risposte abbastanza dure che sono però state anche cercate da questi fantomatici fan che hanno tentato di fare ironia su un problema molto grave che sta letteralmente dividendo l'America negli ultimi mesi.

Dalla morte di George Floyd, che ha aperto una spaccatura mai realmente sanata tra due fasce molto grandi di abitanti degli USA, sembra che mai come adesso le due fazioni siano entrate veramente in guerra.