Anche Sami Zayn della WWE prende in giro Donald Trump: "Ha rubato la mia gimmick!"



by   |  LETTURE 2344

Anche Sami Zayn della WWE prende in giro Donald Trump: "Ha rubato la mia gimmick!"

Nel corso della serata di ieri, una notizia ha scosso l'intero mondo della politica e non solo, Joe Biden è il nuovo presidente eletto degli Stati Uniti d'America, con il 78enne che è dieventato di fatto anche il presidente americano più votato della storia americana ma anche il più vecchio ad insediarsi alla Casa Bianca e che va così a sostituire l'ex presidente Donald Trump, il quale aveva ricevuto nel corso del suo mandato centinaia e centinaia di critiche per i suoi commenti ed il suo modo di fare.

Tra i tanti membri del mondo del wrestling che hanno voluto commentare il fatto, c'è stato CM Punk, ex WWE Champion che come sempre non ha saputo tenere a freno la lingua e con un'impagabile presa in giro ha deriso sia lo sconfitto Trump che la famiglia McMahon, con una risposta arrivata su Twitter proprio contro la moglie del Chairman, Linda McMahon.

Anche Sami Zayn si scaglia contro Trump in maniera ironica

Ad unirsi all'eco di prese in giro arrivate dopo che lo stesso ex presidente aveva dichiarato di aver vinto le elezioni senza neanche attendere l'esito dello spoglio, è arrivato anche l'Intercontinental Champion di Smackdown, Sami Zayn, il quale con il seguente tweet ha voluto deridere Trump, dicendo:


"Una ragione meschina per cui non mi piace Trump è che mi ha rubato la gimmick essendo un deludente e codardo heel.

E non sto scherzando. Gran parte dell'arroganza, paranoia, vittimismo e negazione che è stata a lungo il linguaggio dei lottatori heel è ora attribuita a lui e la cosa mi fa inca**are" . In un commento tra la verità e l'ironia, anche Sami Zayn ha voluto mettere la sua pietra tombale sulla presidenza dell'ormai ex leader degli USA, con l'operato di Donald Trump che è sempre stato visto come quello di una persona troppo di parte, omofoba, razzista e decisamente fuori luogo per ricoprire uno degli incarichi più delicati ed importanti che il mondo intero potesse inventare.