Joe Biden è il presidente degli Usa: impagabile sfottò di CM Punk a Trump



by   |  LETTURE 5779

Joe Biden è il presidente degli Usa: impagabile sfottò di CM Punk a Trump

Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti d'America, con Donald Trump che ha ufficialmente perso le elezioni. E in queste ore caratterizzate dalla grande gioia del popolo del Partito Democratico americano, contrapposto alla rabbia dei Repubblicani, si inserisce un post tutto da gustare. Che porta l'inconfondibile firma di CM Punk.

Lo Straight Edge di Chicago, per le sue idee e le sue esternazioni che non sono mancate per tutto il corso della carriera, è sempre stato facilmente avvicinabile ai Democratici o, quantomeno, allontanabile dai Repubblicani. E non a caso ha salutato su Twitter il risultato elettorale sì festeggiando Biden, ma soprattutto prendendo in giro Trump. E, più o meno direttamente, il suo "grande amico" Vince McMahon.

Lo si capisce in maniera molto chiara dal fotomontaggio che ha pubblicato sul suo profilo ufficiale, in cui CM Punk ha deciso di sostituire la testa di Biden alla sua, in uno dei momenti cardine della sua esperienza in WWE. Ossia quello della "inattesa" vittoria di Money in the Bank 2011, con tanto di "bacio d'addio" a Vince McMahon in persona. Proprio la foto che potete vedere nella copertina di questo articolo, e che CM Punk ha reinterpretato così:
 

CM Punk: contro Trump o contro Vince McMahon?

Che la presa in giro riguardi principalmente Trump ma indirettamente anche Vince McMahon è evidente. Non soltanto i due sono stati soci in diverse iniziative del passato (fino a WrestleMania 23, quando addirittura si affrontarono in un match "tra miliardari", facendosi rappresentare rispettivamente da Bobby Lashley e Umaga). Ma la famiglia McMahon è stata ampiamente coinvolta nell'amministrazione Trump, tanto che Linda (moglie di Vince) nel 2016 fu messa a capo della sezione dello Small Business Administration, ovvero il corrispondente del nostro Ministero dello Sviluppo Economico, organo che si occupa dello sviluppo della politica industriale, del commercio internazionale delle comunicazioni e dell'energia. E infatti Linda McMahon è citata da CM Punk nel suo post.

Note anche le simpatie per i Repubblicani (e Trump) di molti atleti della WWE, a partire da Undertaker. CM Punk, evidentemente, non la pensa così. E oggi, anche per lui, è il momento della festa. E di qualche sfottò.