Roman Reigns: "Sono il più grande atleta della storia della Royal Rumble in WWE"



by   |  LETTURE 3013

Roman Reigns: "Sono il più grande atleta della storia della Royal Rumble in WWE"

Solitamente i personaggi legati agli atleti della WWE, hanno un ego molto smisurato, tanto da arrivarsi a definire sempre i migliori in qualcosa, sia che essi siano babyface, sia che essi facciano parte degli heel, con promo e frasi riportate in interviste o tweet sui social, che lasciano molte volte i fan del WWE Universe sorpresi.

L'ultimo ad aver esternato un suo personalissimo pensiero di questo tipo, è stato l'ex WWE Champion Roman Reigns, il quale non appare sui teleschermi della WWE da ormai diverso tempo, per la sua scelta personale di rimanere a casa in questo periodo di pandemia mondiale, che soprattutto negli Stati Uniti sta letteralmente mettendo il paese in ginocchio.

Roman Reigns si autoproclama miglior wrestler della storia della Royal Rumble

Durante questo periodo di pandemia che ha letteralmente bloccato tutti i live event della compagnia e ha anche dato una drastica limata a quelli che erano gli incassi della WWE fino allo scorso anno, la federazione dei McMahon ha cercato di tenere più fan possibili legati al suo prodotto, trasmettendo sui vari canali americani, anche dei vecchi ppv gratuitamente.
Nelle scorse ore, infatti, la WWE ha voluto trasmettere anche l'edizione della Royal Rumble del 2017 su Fox Sport 1, canale dove fino a qualche settimana fa andava in onda anche WWE Backstage.
Per pubblicizzare l'evento, la WWE ha messo su Twitter un messaggio destinato ai propri fan, con le informazioni su dove e come poter rivedere il ppv di tre anni fa, con Roman Reigns che ha però colto la palla al balzo per autoproclamarsi e dire:

"Probabilmente sono il competitor più importante della Royal Rumble di tutti i tempi.

Prima che iniziate a lamentarvi, pensate solo agli ultimi 5 anni... " Non la tocca di certo piano il Big Dog di Smackdown, con una frase alquanto egocentrica, che farà sicuramente discutere i fan, tra chi lo pensa veramente e chi invece continuerà ad odiare il suo personaggio, perchè convinti sia troppo pushato dalla compagnia, proprio come successo con Charlotte Flair qualche settimana fa, con tanto di petizione partita online contro di lei.