#BlackLivesMatter o #AllLivesMatter? Randy Orton spiega la differenza



by   |  LETTURE 2593

#BlackLivesMatter o #AllLivesMatter? Randy Orton spiega la differenza

Il caso di George Floyd, il 46enne di colore che ha perso la vita a Minneapolis dopo essere stato immobilizzato da un poliziotto che gli ha bloccato il respiro con un ginocchio sul collo, continua a far discutere il mondo. E ora anche Randy Orton è voluto entrare sulla questione su Twitter, con un messaggio molto profondo indirizzato a chi lo contestava.

In America ha infatti preso piede l'hashtag #BlackLivesMatter, che si è poi diffuso velocemente in tutto il mondo. Un mondo che però si è rapidamente diviso, anche in seguito ai tanti scontri che si stanno verificando negli Stati Uniti. Il dibattito che si è scatenato riguarda la piaga del razzismo (evidenziata anche da Roman Reigns) e un tema altrettanto delicato: il concetto stesso dell'hashtag, ossia "la vita dei neri è importante".

Su molti account, infatti, si è travisato il senso di tale hashtag, sottolineando qualcosa che ovvio dovrebbe essere ma che purtroppo non lo è: non dovremmo infatti affermare che "la vita dei neri è importante", quanto piuttosto che "la vita di tutti è importante". Da qui #AllLivesMatter Peccato che la seconda frase (ne ha indirettamente parlato anche John Cena, dopo che lo aveva già fatto Batista) debba necessariamente includere anche la prima.

E proprio questo è ciò che ha voluto sottolineare Randy Orton, dopo aver semplicemente pubblicato un post su Twitter recante il sacrosanto #BlackLivesMatter:
 


Di fronte alla protesta di un suo follower (che lo accusava di "propagare odio e segregazione" e invitava tutti a cambiare e non solo qualcuno perché "la vita di tutti è importante"), l'Apex Predator è appunto intervenuto con un messaggio che tutti dovrebbero fare proprio.

Vite di tutti o dei neri? Ciò che Randy Orton ha capito

"Tutte le vite sono importanti, ma il punto che stavo cercando di sostenere è che ho finalmente capito che finché non capiremo che le vite dei neri sono importanti, non potranno essere importanti le vite di tutti. Capito?", ha scritto infatti The Viper:
 


Un Randy Orton insomma che prova a sensibilizzare l'opinione pubblica sul motivo per cui, prima di sentirci tutti uniti, dobbiamo provare a sentirci uniti con chi è diverso da noi. Messaggio non da poco, dato che arriva da uno dei più noti "cattivi ragazzi" della WWE e in generale del mondo del wrestling...